Home | Economia | Il futuro dell’economia, le strategie di Mediocredito

Il futuro dell’economia, le strategie di Mediocredito

Se ne è parlato a Merano in un convegno organizzato dalla banca regionale: i pensieri di Nadio Delai, Leopoldo Scarpa e Franco Senesi

 
Fino al 2008 eravamo il secondo Paese del mondo per produzione industriale, oggi siamo quarti.
Abbiamo una economia reale che negli anni recenti è peggiorata.
E le banche in questo periodo hanno continuato ad aumentare gli impieghi: il credito è cresciuto in maniera molto più intensa dell'economia reale, ed il finanziamento delle nostre imprese è fatto principalmente dalle banche.
 
Ne consegue che imprese troppo indebitate non fanno bene né all’economia, né alle stesse banche che le finanziano.
Anzi, proprio le banche stanno consumando nelle sofferenze oltre la metà del loro cash-flow, la provvista è molto più difficile e molto più cara.
E cala lo spread tra provvista ed impieghi: nel 2003 era del 3,6%, adesso del 2,2%, con il Roe delle maggiori banche ormai prossimo allo zero.
 
Il quadro appare problematico, ma è la fotografia reale scattata da Leopoldo Scarpa, direttore generale di Mediocredito del Trentino Alto Adige, che su questi temi si è interrogato in un convegno a Merano – presso il Kursaal – dal titolo eloquente: «La crisi, le banche, il futuro».
Il circuito virtuoso del debito che si sosteneva su Stato, banche ed economia reale non regge più.
«Quando dall'estero non hanno più comprato titoli delle banche italiane, l’incantesimo si è rotto», ha detto il responsabile della Finanza Giorgio Franch.
«Intervenire oggi a puntellare una economia basata sull’obbligo di crescita senza aumento di competitività non è un antidoto alla crisi, ma piuttosto un antidolorifico che non cura il male, ma ne attenua solo gli effetti.»
 
Per Nadio Delai, sociologo dallo sguardo lungo sulle imprese, intervenuto a Merano per individuare una terapia possibile, si assiste oggi al ritorno all'economia reale.
«Dopo il postmoderno si va al neorealismo, perché le cose hanno un valore in sé. Oggi si torna all'economia reale come esigenza oggettiva.»
 
E poi c’è un altro (gradito) ritorno, quello del sociale.
Quello stesso sociale che era stato espulso dalle grandi banche, oggi rientra in economia.
«Perché – è la conclusione di Delai - se non c'è crescita e coesione sociale, non c'è nemmeno sviluppo. Il sociale non è più un optional per spiriti caritatevoli, ma un movente integrante dell'economia.»
 
Ieri era sufficiente essere imprenditori robusti, oggi non più.
Occorre innovare i prodotti, e mettersi in relazione con il territorio, stringere alleanze.
Le esperienze nelle filiali di Mediocredito – i particolare i casi di Brescia e Trento portati al convegno – insegnano.
La crisi è anche una buona occasione per ripensarsi. Le banche devono saper riconoscere questi segnali, e sostenere l’economia reale favorendo un rimbalzo positivo verso l’innovazione.
 
Un futuro probabile? Per Leopoldo Scarpa «dobbiamo stringere i denti, e imparare a volare. Il nuovo modello d'impresa non può più confrontarsi sulla competizione di prezzo, serve innovare il prodotto, fare investimenti, sviluppare i mercati ed il brand.
Nel prossimo futuro la provvista resterà scarsa e costosa, il credito va indirizzato allo sviluppo. Dobbiamo aumentare i servizi per la crescita, capire le imprese. Le sfide che dobbiamo affrontare sono lo sviluppo di sinergie, il rafforzamento delle alleanze, il rapporto con i nostri soci.»
 
Per Mediocredito questo significa rafforzare la sinergia con il credito cooperativo, che è chiamato ad ulteriori responsabilità.
Lo ha detto in maniera chiara il presidente Franco Senesi.
«Vogliamo costruire una banca che possa interpretare le esigenze di tutto il mondo delle imprese che si presenta da noi. Il disegno è far crescere una banca corporate che possa recitare un ruolo importante nella nostra regione e in quelle limitrofe.
L’integrazione con il credito cooperativo (sul fronte creditizio le attività sono passate nell’ultimo anno dal 30 al 35%) dovrà crescere ancora perché strategica: solo se siamo capaci di fare rete autentica ad affrontare le sfide possiamo avere successo.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook
Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri e parole

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Il nostro psicoanalista

di Giuseppe Maiolo

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Miss Italia 2014

di Sonia Leonardi

Cucina trentina

di Franca Merz

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

La grande Cucina

di Massimiliano Putortì

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco Demozzi