Home | Interno | Cronaca | Colloquio telefonico poco fa con il questore Iacobone

Colloquio telefonico poco fa con il questore Iacobone

Ordine pubblico: Dellai si congratula con le forze dell’ordine

Il presidente Dellai ha avuto poco fa un colloquio con il questore Giorgio Iacobone per fare il punto e per ringraziarlo per quanto stanno facendo le forze dell'ordine per tenere sotto controllo la situazione all'indomani dei gravi fatti accaduto domenica
 
Lorenzo Dellai ha parlato di senso di gratitudine e ha rinnovato il pieno sostegno delle istituzioni trentine nei confronti delle forze di sicurezza che anche oggi hanno messo in campo una serie di azioni per contrastare i fenomeni che stanno turbando l'ordine pubblico e che sono connessi alla presenza di alcuni gruppi di stranieri i cui comportamenti stanno infrangendo la legge, specialmente per attività legate allo spaccio di droghe.
 
Dellai si è anche congratulato per gli arresti effettuati nella giornata odierna e ha confermato la piena collaborazione della Pubblica amministrazione per le azioni di prevenzione e contrasto ai comportamenti contrari alle regole e all'ordinato svolgersi della vita cittadina.
«Anche le decisioni odierne dell'autorità giudiziaria a seguito degli arresti realizzati nella giornata di ieri – ha commentato infine Dellai – dimostrano l'efficacia degli interventi messi in campo dalle forze dell'ordine.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook
Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri e parole

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Parla lo psicoanalista

di Giuseppe Maiolo

Miss Italia 2014

di Sonia Leonardi

Cucina trentina

di Franca Merz

La grande Cucina

di Massimiliano Putortì

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco Demozzi