Home | Esteri | Libano | Il Generale Abrate sulla blue line, nel sud del Libano

Il Generale Abrate sulla blue line, nel sud del Libano

In questo momento la parte del Libano di competenza italiana è la più sicura da possibili infiltrazioni siriane

Il Generale Biagio Abrate, Capo di Stato Maggiore della Difesa, si è recato in Libano in visita ai militari italiani impegnati nella missione UNIFIL.
Prima di raggiungere la base di Shama, sede del comando italiano nel sud del paese, ha incontrato il Comandante delle Forze Armate libanesi, Generale Jean Kahwaji, con il quale ha una solida conoscenza personale.
Nel corso dei colloqui il Generale Kahwaji ha espresso il proprio apprezzamento e la propria gratitudine per il lavoro svolto dai militari italiani nel sud del paese.
Il Capo delle Forze Armate libanesi ha sottolineato, inoltre, il proprio compiacimento per la riassegnazione del comando di UNIFIL ad un Ufficiale Generale italiano (Generale di Divisione Paolo Serra).
 
Giunti a Shama, il Generale Abrate è stato ricevuto dal Comandante di UNIFIL e dal Comandante del contingente italiano nel settore ovest del Libano, su base Brigata corazzata Ariete (Generale di Divisione Gaetano Zauner).
Nel corso dei colloqui con il Comandante di UNIFIL sono stati discussi i risultati conseguiti dalla missione di pace sul piano della sicurezza, gli scopi della stessa, i possibili sviluppi nell'area nonché gli sforzi, molto apprezzati dalla popolazione e dalle autorità, compiuti dai militari italiani.
Presso le basi avanzate 1-31 ed 1-32A, il Generale Abrate, oltre ad aver incontrato i militari, è stato aggiornato sugli sviluppi delle complesse attività di sminamento e controllo del territorio condotte dai nostri militari sulla blue line.
I nostri lettori sanno che la blune line è il confine che i militari della coalizione Onu che opera in Libano stanno costruendo con paziente lavoro di mediazione (e di bonifica dalle mine).
 
In questo momento la parte meridionale del Libano è la più sicura perché i profughi provenienti dalla Siria rimangono a nord del fiume Litani.
Il fiume, il cui nome originale è Leonte e ha dato il nome alla nostra operazione militare, scende dalla valle della Beqa e sfocia nei pressi di Tiro.
Nel 2006 l’area compresa tra il fiume, il mar Mediterraneo e Israele è stato luogo di scontri tra l'esercito israeliano e i militanti hezbollah. Grazie al nostro intervento hezbollah ha deposto le armi per diventare partito politico.
Ora quell’area risulta essere la più tranquilla proprio grazie al nostro prezioso lavoro.
 
Prima di lasciare la terra dei cedri il Generale Abrate ha voluto rinnovare al Generale Zauner il proprio apprezzamento per il lavoro svolto dai nostri uomini e dalle nostre donne con le stellette.
Con la visita al contingente italiano di UNIFIL si conclude un fine settimana dedicato ai nostri militari impegnati nei principali teatri operativi.

Condividi con: Post on Facebook Facebook
Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri e parole

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Parla lo psicoanalista

di Giuseppe Maiolo

Miss Italia 2014

di Sonia Leonardi

Cucina trentina

di Franca Merz

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

La grande Cucina

di Massimiliano Putortì

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco Demozzi