Home | Golf | Campionati golf 2014 | Campionati Golf 2012 | 94° US PGA Championship, nel terzo giro McIlroy fa il vuoto

94° US PGA Championship, nel terzo giro McIlroy fa il vuoto

Sospensione gara dannosa per Francesco Molinari e toccasana per Tiger Woods

image

Il nordirlandese Rory McIlroy (nella foto) ha fatto il vuoto nel terzo giro del 94° US PGA Championship, ultimo major stagionale in svolgimento all'Ocean Course del Kiawah Island Golf Resort, a Kiawah Island nel South Carolina con 209 colpi (67-75-67, -7) .
Il gioco, sospeso nella terza giornata per maltempo, è ripreso di buon mattino nella quarta con 26 giocatori che dovevano concludere il turno, tra i quali Francesco Molinari il quale con un parziale di 74 (+2) e lo score di 219 (70-75-74, +3) è sceso dal 15° al 32° posto.
 
McIlroy ha preso un vantaggio di tre colpi sullo svedese Carl Pettersson (212, -4) e di quattro su Bo Van Pelt, sul sudafricano Trevor Immelman e sull'australiano Adam Scott (213, -3).
Al sesto posto con 214 (-2) Tiger Woods, Steve Stricker, il fiano Vijay Singh e lo svedese Peter Hanson, al 10° con 215 (-1) Jimmy Walker, gli inglesi Ian Poulter e David Lynn, il gallese Jamie Donaldson, l'irlandese Padraig Harrington e il nordirlandese Graeme McDowell.
 
In regresso Phil Mickelson, da 11° a 20° con 217 (+1), mentre avevano concluso il giro prima dell'interruzione l'inglese Justin Rose, 25° con 218 (+2), Jim Furyk e il sudafricano Louis Ooshuizen, 32.i come Molinari, gli altri sudafricani Ernie Els, 41° con 220 (+4), e Charl Schwartzel, 46° con 221 (+5), e l'inglese Luke Donald, numero uno del world ranking, 64° con 224 (74-76-74, +8) dopo un 74 (+2) di giornata.
Con questa posizione Donald ha lasciato una porta spalancata a McIlroy e a Woods verso la leadership mondiale. Il primo torna sul trono se vince, Woods invece ha due opzioni: vincere oppure giungere secondo, a patto che il titolo non sia appannaggio di McIlroy.
 
McIlroy è uscito dal campo a metà percorso da leader con -6 insieme a Singh dopo aver messo a segno cinque birdie e un bogey. Quando è rientrato ha fissato il parziale a 67 (-5) con altre due birdie e un bogey.
Singh, invece, dopo i due birdie in sette buche che gli avevano permesso di tenere il confronto con il leader, ha pasticciato molto alla ripresa segnando due birdie, quattro bogey e un doppio bogey per il 74 (+2).
 
Per Tiger Woods la sospensione è stata un toccasana, perché al momento dello stop aveva segnato tre bogey in sette buche e appariva veramente in crisi.
Al ritorno in campo è stato ancora bogey, ma con tre birdie e un bogey (74 anche per lui) si è riservato qualche speranza per il prosieguo.
 
Molinari è stato fermato sul par dopo tredici buche (due birdie e due bogey), poi ha concluso le ultime cinque con due bogey per il 74.
E' uscito al taglio Matteo Manassero, 96° con 153 (71 82, +9) e hanno subito la stessa sorte Webb Simpson, US Open champion, lo spagnolo Sergio Garcia e il belga Nicolas Colsaerts, 73.i con 151 (+7), Hunter Mahan, l'inglese Lee Westwood e l'australiano Jason Day, 85.i con 152 (+8), Rickie Fowler, 104° con 154 (+10), l'argentino Angel Cabrera, 120° con 156 (+12), il tedesco Martin Kaymer, 130° con 158 (+14), e l'inglese Paul Casey, 148° con 164 (+10).
 
Sono in palio 8.000.000 di dollari con prima moneta di 1.445.000 dollari.

Condividi con: Post on Facebook Facebook
Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Un occhio sulla società

di Alberto Pattini

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Pensieri e parole

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Parla lo psicoanalista

di Giuseppe Maiolo

La grande Cucina

di Massimiliano Putortì

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco Demozzi