Home | Economia | Ricerca e innovazione | Abete, la startup trentina alla conquista di Bari

Abete, la startup trentina alla conquista di Bari

Vincitrice dell’ultimo D2T, con le sue case modulari in legno concorre al premio nazionale

image

«ECO_logics», le case modulari in legno vincitrici del Premio D2T di Trentino Sviluppo, si contenderanno lo scettro di migliore startup italiana nella decima edizione del Premio Nazionale per l’Innovazione in scena a Bari dal 29 e 30 novembre.
Una sorta di «Champions League» delle idee, con 64 progetti finalisti, che mette a confronto i vincitori delle 16 business plan competition organizzate nelle diverse regioni d’Italia.
 
Il team trentino di Abete, composto da Kenny Bergamo, Federico Genetti e Mauro Marinelli, conta di arrivare sul mercato con i primi edifici in legno entro la prossima primavera.
«Dopo la vittoria al Premio D2T Start Cup - spiegano i tre giovani startupper – abbiamo lavorato molto per verificare la fattibilità economica e tecnica del progetto, studiando anche una soluzione che implementi la tecnica dei pannelli XLam, considerato che nel frattempo sono partiti in Trentino un paio di stabilimenti in gradi di produrli. E non sono mancate le soddisfazioni, con il 38° posto su 349 progetti presentati al concorso «Ripartiamo dalle Idee», promosso da Corriere della Sera, SDA Bocconi School of Management, Armando Testa e Intesa Sanpaolo ed ora la finale del PNI Cube in Puglia».
 
A contendersi a Bari il titolo di miglior business idea dell’anno saranno 17 progetti per la categoria Life Science, 15 per quella ICT- Social Innovation, 14 per Agro-Food&Cleantech e 18 per la categoria Industrial, che verranno valutati da una giuria composta da esperti provenienti dal mondo imprenditoriale, finanziario ed accademico per aggiudicarsi premi in denaro, formazione manageriale e un bagaglio di relazioni per superare la fase progettuale e raggiungere il mercato.
Abete, questo il nome del progetto d’impresa, è inoltre in gara nel «Premio Ambiente Euregio Tirol - Alto Adige - Trentino» in cui si sfidano idee sui temi dell’ambiente e della sostenibilità ed il cui esito si conoscerà entro dicembre.
 
Da qualche giorno Abete è insediata presso la Greenhouse di Progetto Manifattura, che già ospita numerose startup appartenenti al settore dell’edilizia sostenibile.
«L’apertura formale della società è prevista per gennaio 2013 - spiegano Bergamo, Genetti e Marinelli - mentre entro la primavera del prossimo anno saremo in grado di presentare un’offerta competitiva sul mercato, forti anche di alcune partnership con aziende insediate sul territorio trentino».
 
Ma quel è l’idea di impresa proposta da Abete? «Il mercato dell’edilizia – spiegano i tre giovani - offre allo stato attuale due alternative a chi intende acquistare un edificio in legno. Una prevede l’acquisto «a catalogo» di un edificio prefabbricato industrialmente, pertanto non adattabile e tendenzialmente immodificabile, l’altra la realizzazione interamente su misura dell’edificio, con alti costi di progettazione e di realizzazione. Con ECO_logics noi proponiamo una terza via che supera le criticità di entrambe unendone però i rispettivi vantaggi, coniugando cioè i benefici economici della produzione seriale e la derivante velocità di cantierizzazione e certezza di costo, con la possibilità di un’alta personalizzazione spaziale, volumetrica e di dotazione».
 
Tre le configurazioni possibili di «ECO_Logics», individuate grazie ad un’indagine di mercato su potenziali clienti: «Excellence», destinato ad una clientela esigente, con una buona disponibilità economica e alla ricerca di edifici ad alta qualità prestazionale, energetica e di finitura; «Easy», per un’utenza giovane o con una disponibilità economica ridotta, che non vuole tuttavia rinunciare ad un edificio efficiente ed esteticamente piacevole; infine «Emergency», per gli utenti che hanno la necessità di disporre di un edificio in brevissimo tempo e con costi contenuti (a causa di eventi improvvisi o catastrofici quali alluvioni e terremoti).
Un’elevata flessibilità volumetrica e di dotazioni che copre quindi diverse necessità, dall’edificio unifamiliare alle case a schiera, dagli uffici ai prefabbricati pensati per situazioni temporanee o di emergenza.

Condividi con: Post on Facebook Facebook
Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri e parole

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Parla lo psicoanalista

di Giuseppe Maiolo

Miss Italia 2014

di Sonia Leonardi

Cucina trentina

di Franca Merz

La grande Cucina

di Massimiliano Putortì

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco Demozzi