Home | Archivio | Vittoria Haziel | Controcanto alla creduloneria/ 2 – DI Vittoria Haziel

Controcanto alla creduloneria/ 2 – DI Vittoria Haziel

La seconda parte del gran ritorno di Vittoria Haziel E con la seconda parte anche della foto irriverente del nostro direttore accanto al "Vespasiano Giocondo" nei pressi della stazione di Porta Susa di Torino...

image

Stiamo sempre sulla Gioconda, anzi, nei suoi occhi, e seguiamo le fantomatiche scoperte di Silvano Vinceti, presidente del Comitato nazionale per la valorizzazione dei beni storici, culturali e ambientali (Dio ci salvi!, come abbiamo visto nella prima puntata).
Nella cronaca cruda degli eventi annunciati oltre alle lettere come dicevo ci sono i numeri. Si tratterebbe del 7 e del 2 visti dal Comitato «sotto la prima arcata a destra del ponte che fa da sfondo al ritratto», come si legge nel taglio alto de La stampa del 29 dicembre 2010.

I numeri, sempre secondo quanto riportato nell'articolo e nel seguente del 9 gennaio 2011, hanno scatenato un putiferio.
Cartucce a raffica. Prima arrivano quelle di Giuseppe Papagni, qualificato «artista e studioso di storia dell'arte e di esoterismo», il quale legge insieme i due numeri, e cioè 72.
Sentiamo questi spari: «Il riferimento riguarda la mistica del più arcano dei nomi di Dio (perbacco!, ndr).»

E tira fuori dal cappello a cilindro non esempi che riguardano Leonardo, ma altri artisti.
Comincia con il Parmigianino, e spiega «composto da 72 lettere, il connesso simbolismo del numero 72 è presente anche nel medaglione del ritratto di Galeazzo Sanvitale (1524, Museo di Capodimonte a Napoli). Che c'incastra lo sa solo lui».
Poi dalla tela passa alla ceramica. «… e nel verso palindromo con il numero [attenzione qui! Non è più 72! - NdR]… 27 in alcuni piatti di ceramica del servizio d'Este-Gonzaga, attribuito a Nicola da Urbino (1525 circa, Victoria and Albert Museum Londra)».
E sempre solo lui comprende il nesso.

Le cartucce dello studioso sono finite. Ora arriva il contrattacco mediatico di un'altra studiosa, Carla Gori da Savona, «autrice di vari saggi sul celebre quadro» (Dio che fatica tirare giù una bibliografia Doc firmata dalla studiosa! Fatemi un favore, provate voi…).
Che dicono le cartucce? Mettetevi i tappi, perché la raffica può ledere il nervo acustico o il timpano.

Intanto è sciolto l'enigma sul luogo cui Leonardo si è ispirato per il paesaggio dietro all'immagine della Gioconda. «Sarebbe Bobbio, una località del piacentino», si legge nell'articolo sempre della stessa testata torinese.
Come lo avrebbe identificato la dottoressa? Partendo proprio dal numero 72 scoperto dall'affamato di fama Vinceti, di cui sopra.

E qui - udite udite ancora una volta! (ma non troppo, sempre per il suddetto rischio acustico) - come collegherebbe il numero 72 all'identificazione del luogo?
Ciò sarebbe stato possibile «grazie a una documentazione storica ponderosa»!
Dalla quale emergerebbe che si tratterebbe del «ponte Ponte Gobbo, detto ponte Vecchio o Ponte del Diavolo, devastato dall'onda del fiume Trebbia nel… [musica da suspence, poi colpo di scena con rullo di tamburi! - NdR]… nel 1472. E per Leonardo, che deve aver amato l'idea di far spremere le meningi ai posteri. Quel 72 era un indizio importante. Altro che riferimenti esoterici».

Troviamo queste ed altre notizie sotto il nome Carla Gori anche in un sito internet dal titolo «Menti distorte». Che voglia alludere?
Comunque, le cartucce della studiosa sono finite, ma altre ne aveva sparate precedentemente, per dire di essere convinta di aver «individuato nella Gioconda la nobile Bianca Giovanna Sforza».
E a proposito di questa scoperta, ora dal cappello a cilindro della studiosa vengono fuori altre lettere: G e S, iniziali di Giovanna Sforza.
Un momento, ricapitoliamo le lettere nascoste prendendole anche dalla prima puntata. Le mettiamo in file: CE, o forse B, LV, S, L, e ora G e S.

Sediamoci ora lì, su uno dei prati dello sfondo giocondo, e facciamo ampi esercizi respiratori perché io personalmente sto rischiando l'apnea.
Vedete, in tutta questa ruota di numeri e lettere che girano all'impazzata, gli studiosi in cerca di scoop hanno comunque dimenticato un piccolo, enorme particolare. Parliamone.

La Gioconda fu rubata un secolo fa dal decoratore italiano Vincenzo Peruggia, il quale se la tenne per ben DUE ANNI sotto il letto.
Ergo? Ergo nessuno può escludere che i numeri che in realtà si intravvedono sotto l'arcata del ponte siano stati segnati dalle mani del ladro.
Infatti, a guardare bene le due «sagome» non sembrano affatto né medioevali né tantomeno leonardeschi.

E ora si scatenino pure le congetture sul significato che il geniale italiano, che si mise il quadro sotto l'impermeabile per portarlo via dal Louvre, abbia voluto significare.
Un momento: ho un'idea. Vedete come fa bene l'aria pura, ai piedi dei monti sullo sfondo della Gioconda dove ci siamo concessi una pausa?
Al posto dei significati cabalistici andiamo a vedere cosa ci dice sul numero 72 il libro dei sogni, la smorfia. Bel duello: Cabala contro Smorfia. Come dire Ebrei contro Napoletani.
Che troviamo? «Lo stupore», «A' meraviglia». Perfetto per uno che ha sotto il letto in camera sua la Gioconda, no?
E… attenzione! Il 79 è «il ladro»: infatti ci sta alla perfezione, visto che gli archeologi della Gioconda sono incerti sul secondo numero, che potrebbe essere anche 9 anziché 2, e quindi essere 79.

Dunque il Peruggia è in linea con le comunicazioni criptiche di Leonardo da Vinci? Con quel numero letto in duplice versione ha voluto dirci, a tirar le somme, «la meraviglia del ladro»?
Ma sì, lasciateci sognare, cari studiosi troppo consumati sui libri che avete smesso di sognare, e come dice De Rienzo non sapete godere della meraviglia di Monna Lisa!
Il Peruggia fu condannato a un anno e quindici giorni di prigione per aver rubato la Gioconda.

Quanto diamo, secondo voi, a chi la sottrae non dal museo, ma dalle stanze del nostro godimento di fruitori di un capolavoro dell'arte?
Dalle stanze dei sentimenti più nobili che ci aiutano a evadere dalla realtà?
Possono andare a piede libero a zonzo per i media mondiali, recidivi e forse anche dolosi?
Ma sì, lasciamoli stare. Costoro sono la dimostrazione della pochezza umana di fronte all'altezza del genio.
Più che le patrie galere meriterebbero un girone di una «Commedia» nuova, con nuovi personaggi, nuovi temi, eterne condanne.

Davincianamente vostra
Vittoria

Condividi con: Post on Facebook Facebook
Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri e parole

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Parla lo psicoanalista

di Giuseppe Maiolo

Miss Italia 2014

di Sonia Leonardi

Cucina trentina

di Franca Merz

La grande Cucina

di Massimiliano Putortì

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco Demozzi