Home | Archivio | EXPO 2015 | La Coccinella è stata scelta e vola a Expo 2015

La Coccinella è stata scelta e vola a Expo 2015

Tra le realtà vincitrici in una selezione fatta a livello internazionale

Ci sarà anche La Coccinella a Expo Milano 2015.
La cooperativa di Cles è stata selezionata per entrare a far parte di Cascina Triulza, il padiglione dedicato alle organizzazioni nazionali e internazionali della Società Civile, uno degli spazi espositivi più grandi dell’evento, dove sarà protagonista il mondo dell’associazionismo e del no-profit.
Cascina Triulza, posta vicino al Children Park, è il padiglione di Expo con la maggior offerta di spazi per le famiglie, grazie a due aree dedicate rispettivamente ai piccolissimi da 0 a 4 anni (area Baby Care) ed ai bambini dai 4 ai 10 (Children Lab).
La cooperativa ha proposto, come richiesto dal bando, tre laboratori sui temi indicati: acqua, mangiare sano, sostenibilità ambientale.
Le proposte sono piaciute e perciò sono state inserite tra i 1.000 eventi previsti nei sei mesi dell’Esposizione.
Innegabile la soddisfazione per il risultato, che ha premiato l’attenzione alla qualità dei servizi, caratteristica distintiva della cooperativa, oltre ad una modalità lavorativa che punta da sempre sulla sperimentazione dello stretto legame esistente tra arte, natura, infanzia.
 
«Avvicinare i bambini, anche molto piccoli ai linguaggi dell’arte, vuol dire favorire in loro il dispiegarsi di un pensiero creativo, in cui entrano in gioco la tensione esplorativa, la relazione empatica con le cose, la metafora, i rimandi, la sintesi, l’invenzione simbolica», hanno sottolineato Silvana Buono, psicologa e pedagogista della cooperativa, e Barbara Zocatelli, pedagogista e atelierista de La Coccinella, che ha elaborato le proposte di laboratorio vincitrici.
A Expo 2015 La Coccinella sarà presente, a fine ottobre, con: «Alfabeti naturali», un laboratorio dove i piccoli partecipanti impareranno a creare, scatenando la fantasia, dei Mandala utilizzando gli elementi che si trovano nell’acqua, ossia sassi, sabbia, legni, conchiglie.
«Vitamina S», invece, sarà un laboratorio dove i bambini s’immergeranno nell’incredibile molteplicità cromatica che frutta e verdura offrono per sperimentare giochi di associazione visiva, tattile e olfattiva.
Di tutt’altro genere «W la bici…la bici viva», dove con forbici, carta, carta, colla, immagini in trasparenza di paesaggi naturali e urbani, frammenti di questo e di altri mondi, ciascun bambino potrà progettare e dare forma alla propria speciale bicicletta, pronta per pedalate gioiose nel deserto o sulle Ande, a New York o Pechino tra colori, atmosfere, simboli e scenari sempre diversi.
Il tutto nello spazio di una scatola.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande