Home | Economia | Cooperazione | «Handicrea», punto di riferimento per il mondo della disabilità

«Handicrea», punto di riferimento per il mondo della disabilità

La cooperativa ha presentato all'assessore Rossi un bilancio della propria attività

Da quindici anni quando si parla di disabilità in Trentino si pensa ad HandiCREA: la cooperativa, sorta nel 1995 per iniziativa di un gruppo di persone qualificate da esperienze personali nell'ambito della disabilità, è diventata e lo è sempre più un punto di riferimento essenziale per le persone con disabilità.

Sono aumentati gli utenti, oltre 2.800 persone (singoli o enti) a fine 2010, e con essi le richieste di informazioni e le risposte.
Un'attività intensa alla quale i responsabili di HandiCREA, guidata dalla presidente Graziella Anesi, hanno fatto riferimento nel corso di un incontro con l'assessore alla salute e politiche sociali Ugo Rossi.

Ringraziando la cooperativa - i cui rapporti con la Provincia sono regolati da una convenzione - per il prezioso lavoro svolto, Rossi ha prefigurato per HandiCREA nuove responsabilità e impegni in riferimento ai «punti unici» socio - sanitari territoriali, all'attività delle Comunità di valle nel settore socioassistenziale ed alla gestione, in collaborazione con Itea Spa, dell'alloggio domotico di piazza Garzetti a Trento.

Negli ultimi 5 anni il numero degli utenti che si sono rivolti ad HandiCREA - attraverso lo Sportello Handicap o i tre punti periferici di Riva del Garda, Tione e Tonadico - ha avuto un incremento costante (mediamente del 6%); il numero delle richieste raccolte è aumentato annualmente del 10 per cento, un numero maggiore rispetto a quello degli utenti in quanto ogni utente spesso sottopone più domande, in particolare quando si rivolge di persona allo sportello.
Anche le risposte hanno avuto un aumento costante (+ 8%).

Per quanto riguarda il 2010, rispetto agli anni precedenti, dove l'aumento annuale degli utenti era del 6%, si è passati nel 2010 al + 8,5%.

Le richieste e le risposte hanno avuto una lieve flessione.
L'incremento è costante per gli utenti singoli mentre è altalenante per gli enti.
Per quanto riguarda gli utenti, 2 su 3 sono persone con disabilità o loro familiari.
Coloro che si rivolgono allo Sportello, quindi, sono persone che vivono o operano in primis nell'ambito della disabilità (operatori sociali e sanitari).

Per la tipologia di enti l'aumento costante riguarda i Comprensori, le associazioni e le cooperative sociali.
Le modalità di accesso allo Sportello Handicap sono in prevalenza telefoniche e dirette.
In aumento l'accesso tramite mail e contatto dal sito (creato nei primi mesi del 2009 e sempre più visitato).

Gli utenti provengono in prevalenza da Trento e dal comprensorio C5.
Un aumento negli anni si è avuto nei comprensori C8, C9 ove sono situati gli sportelli periferici e nel C10.
In aumento anche le richieste provenienti da fuori provincia. Oltre un centinaio al mese, in media, le richieste di informazioni.

Le tematiche di maggiore interesse risultano in primis le leggi (in particolare la legge 104/1992) e le agevolazioni, di seguito i trasporti, gli ausili e le barriere architettoniche.
In aumento le richieste sui permessi lavorativi e le agevolazioni fiscali, quindi le agevolazioni auto, le previdenze economiche, l'assistenza e la legge 68/99 per l'inserimento lavorativo, le esenzioni ticket e l'assistenza sanitaria.

Per quanto riguarda la modalità delle risposte (+ 8% annuale), prevalgono le risposte telefoniche insieme a quelle dirette presso gli sportelli territoriali.
La maggioranza delle risposte sono fornite immediatamente, direttamente dagli operatori dello Sportello, mentre per quelle più complesse, per cui è necessario contattare altre realtà, trascorre in genere una settimana.

Dal 2005 la Cooperativa HandiCREA gestisce il Call Center MuoverSi presso il Dipartimento Politiche Sociali, in via Zambra, 42 a Trento.
In questo Sportello provinciale vengono fornite tutte le informazioni riguardanti il servizio di trasporto, raccolte le domande per l'attivazione del servizio e svolto il normale servizio di Call Center.

Lo sportello è aperto tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30.
Per supportare il Call Center provinciale, HandiCREA è attiva anche presso la propria sede, aperta anche nel pomeriggio, aumentando così la disponibilità oraria agli utenti.

Nel corso dell'incontro con l'assessore Rossi, la cooperativa di sostegno ai portatori di disabilità ha rappresentato anche le criticità e le proposte per migliorare il servizio offerto.

Servizio di neuropsichiatria infantile
In particolare nel territorio delle Valli di Fiemme e Fassa e dell'Alta Valsugana, si manifestano le carenze organizzative del servizio nella fase di presa in carico al raggiungimento della maggiore età.
Ciò è dovuto anche al frequente turn over dei neuropsichiatri che crea non poche difficoltà alle necessità individuali.

Appartamento domotico
A Trento è stato realizzato un appartamento domotico grazie ad una collaborazione tra ITEA, PAT FBK.
Esso è visitabile da persone con disabilità che possono testare le tecnologie installate.
Questa opportunità è importante venga ampliata.

Inserimento lavorativo - Legge 68/1999
La richiesta di lavoro da parte di persone con disabilità è in costante aumento, mentre l'offerta non sta dando risposte adeguate.
Poche le aziende private che assumono disabili, pur se è forte l'impegno delle cooperative sociali e dei servizi preposti.
E' necessario ripensare le modalità di collocamento attualmente in essere; aprire un tavolo di lavoro allargato con tutti i portatori di interesse (compresi i rappresentanti delle aziende private), snellire la procedura per l'inserimento lavorativo e potenziare gli sgravi per chi assume persone con disabilità.

Integrazione socio-sanitaria
HandiCREA ritiene necessario, più che in passato, il confronto tra e con i coordinatori dei servizi sociali e sanitari, anche per conoscere le procedure che si intendono attivare per un'integrazione socio-sanitaria concreta.
Si suggerisce anche l'opportunità di creare e pubblicare una Guida informativa integrata e aggiornata che riporti le informazioni inerenti le agevolazioni e le procedure per l'ambito sanitario e sociale.

Tavoli di lavoro
L'attività della Cooperativa, che si integra efficacemente con l'attività di Sportello, comprende anche la partecipazione ai tavoli di lavoro sui temi della disabilità.
HandiCREA è infatti presente ai Tavoli di lavoro territoriali di Tione, Riva del Garda e Tonadico.
Presso la Comunità di Valle del Primiero il tavolo della disabilità è stato nominato interlocutore privilegiato per tutti i provvedimenti che la Giunta della Comunità prenderà in materia.

Sostegno scolastico degli alunni con disabilità
Alcune famiglie hanno difficoltà a trovare sostegno individualizzato, in particolare presso scuole materne ed elementari.
Altre difficoltà, segnalate da parte delle direzioni didattiche, riguardano i fondi propri della scuola per acquisto di attrezzature e ausili personalizzati.

Analisi Sportelli Handicap nazionali
In Italia sono attivi altri sportelli informativi come quello gestito dalla cooperativa trentina e si vorrebbe da parte della cooperativa organizzare un seminario di confronto con tali realtà per comprendere le modalità dei servizi offerti e le possibilità di collaborazione.

Fondo disabilità previsto dall'articolo 7 della LP 8/2003
Il Fondo offre l'opportunità di sovvenzionare interventi individuali e progetti a favore delle persone certificate in situazione di handicap, non altrimenti finanziabili.
Nel corso degli anni la Cooperativa HandiCREA ha collaborato nella stesura di alcuni di questi interventi.
«Il Fondo - sostiene la cooperativa - è da mantenere ed incrementare, poiché offre possibilità di fornire risposte adeguate è comunque meno costose che, per esempio, l'inserimento della persona in struttura.»

Incremento Sportello Handicap
Come detto c'è stato un costante aumento delle segnalazioni nelle zone dove è attivo lo Sportello Handicap periferico (Tione, Riva e Tonadico).
Inoltre, sono arrivate richieste da Rovereto, Cles e dal Presidio Villa Rosa in merito all'opportunità di aprire altri punti di Sportello.
Per questo, si propone l'incremento del personale, al fine di dare un servizio territoriale adeguato.

Corsi a tema
HandiCREA crede fortemente nella necessità di affrontare culturalmente le tematiche della disabilità. Anche in passato la Cooperativa ha proposto e organizzato dei corsi mirati, in collaborazione con le istituzioni pubbliche e private, associazioni e altri enti. Così come accade in altre regioni, sarebbe auspicabile programmare un «piano di lavoro strutturato», per offrire formazione alle persone con disabilità, ai tecnici, agli operatori socio-sanitari, ecc.

Obiettivi finali
Tra i progetti perseguiti da HandiCREA, si segnalano il progetto «Area verde accessibile»: in collaborazione con la «Cooperativa il Gabbiano», HandiCREA ha realizzato un gruppo di arredo urbano per rendere le aree verdi fruibili anche alle persone con disabilità.
L'Autostrada del Brennero ha chiesto la consulenza della Cooperativa per garantire che la ristrutturazione delle aree di servizio presenti sull'A22 venga fatta tenendo conto delle esigenze della persone con disabilità, eliminando le barriere architettoniche esistenti e progettando per Tutti.
E' stata creata anche la «Guida informativa per una cultura accessibile a tutti» che riguarda oltre 120 strutture presenti sul nostro territorio provinciale che ospitano eventi e manifestazioni culturali.
C'è poi il «Progetto CONTEXT-AWARE», un'iniziativa co - finanziata dalla Provincia Autonoma di Trento e dalla società AlmavivA S.p.a. HandiCREA ha eseguito oltre 1000 rilevazioni e con la Fondazione Bruno Kessler collabora per la realizzazione del progetto.
Esso si propone di realizzare un prototipo in grado di fornire agli utenti disabili informazioni utili, relative alle strutture esistenti attraverso i cellulari comunemente in uso.

Dal 2002 HandiCREA ha una convenzione con l'Opera Universitaria di Trento.
Tra le varie attività vi sono la consulenza tecnica per la costruzione e ristrutturazione di edifici collegati all'Università per tematiche connesse alla presenza di barriere architettoniche nelle strutture gestite dall'Ente (es. Studentato di San Bartolameo); l'organizzazione annuale di corsi formativi per ragazzi che svolgono il servizio civile presso il Servizio disabilità dell'Opera universitaria e per il personale dipendente dalla struttura; l'elaborazione e l'aggiornamento delle varie edizioni della guida Universabili.

HandiCREA elabora, infine, guide e mappe informative di città o luoghi, manuali e pubblicazioni varie con indicazioni utili per consentire a persone con disabilità di effettuare percorsi, visitare ambienti e partecipare ad eventi.
Nelle guide turistiche si trovano informazioni riguardanti le strutture ricettive, indipendentemente dal loro grado di accessibilità.

Condividi con: Post on Facebook Facebook
Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri e parole

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Parla lo psicoanalista

di Giuseppe Maiolo

Miss Italia 2014

di Sonia Leonardi

Cucina trentina

di Franca Merz

La grande Cucina

di Massimiliano Putortì

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco Demozzi