Home | Arte e Cultura | Cultura, accordo programmatico fra Alto Adige e Trentino

Cultura, accordo programmatico fra Alto Adige e Trentino

Accordo fra Bolzano e Trento per la collaborazione nelle politiche culturali e giovanili

image

>
La formazione comune degli operatori culturali, la prosecuzione dell’esperienza regionale delle residenze artistiche, la presenza sempre più capillare sul territorio dello spettacolo dal vivo e i progetti riguardanti i giovani.
Sono questi alcuni fra i temi più rilevanti dell’accordo raggiunto a Trento fra l’assessore altoatesino Giuliano Vettorato e il suo collega trentino Mirko Bisesti in tema di politica culturale e giovanile.
Le due province intendono proseguire la collaborazione instaurata in questi anni su numerosi progetti per aumentare le occasioni di incontro e di scambio di buone pratiche, e per potenziare la ricaduta sui rispettivi territori.
L’accordo prende spunto dalla collaborazione già intrapresa in con risultati positivi e definisce un ambito in cui l’integrazione tra le due province è effettiva e concreta.
«L’intesa – sottolinea Vettorato – prevede aspetti operativi in cui anche le rispettive strutture amministrative operino in maniera congiunta.»
 
 Progetti condivisi fra Bolzano e Trento 
Tra i contenuti dell’accordo spicca la Piattaforma Generazioni che si pone l’obiettivo di promuovere progetti e formazione, in particolare nei territori periferici, in modo da agevolare la realizzazione dell’autonomia giovanile anche in materia di lavoro.
Vi è poi la «Piattaforma regionale sulla memoria attiva» che intende promuovere progetti che pongono al centro il tema della memoria come occasione di riflessione sul passato per aumentare la consapevolezza del presente.
Di quest’ultima piattaforma faranno parte iniziative come Promemoria Auschwitz, «Ultima fermata Srebrenica» e «Campi della legalità».
I primi due affrontano due fatti storici particolarmente rilevanti come lo sterminio dei campi di concentramento ed il genocidio avvenuto a seguito delle guerre dei Balcani degli anni ‘90, il terzo si occupa del fenomeno mafioso.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni