Home | Arte e Cultura | Spettacoli | Il Club Armonia presenta: «Via Crucis - ai confini dell’umanità»

Il Club Armonia presenta: «Via Crucis - ai confini dell’umanità»

A Trento venerdì 8 aprile, a Bolzano sabato 9 aprile, a Bressanone domenica 10 aprile

Quando Ferenc Liszt scrive la «Via Crucis – Die 14 Stationen des Kreuzweges», dopo aver a lungo meditato sulla sua composizione abbozzandola fin dal 1866 per concludere il lavoro quasi dieci anni più tardi, sogna che il brano possa accompagnare il Santo Padre durante la processione dei riti pasquali e non pensa minimamente che quella sua Via Crucis sarebbe risuonata, più di un secolo dopo, nelle terre del Concilio tridentino e ai piedi del Brennero, per segnare la tragicità di un tempo come quello che purtroppo stiamo vivendo.
Proprio la consapevolezza della difficile contemporaneità ha spinto il Maestro Sandro Filippi ed il Coro Filarmonico Trentino a rispolverare un’opera, peraltro non troppo nota al grande pubblico, con l’intento di offrirla all’ascolto nel periodo prepasquale.
La Via Crucis è il frutto del personale dialogo con il sacro che Liszt sviluppa nel suo percorso artistico e si fonda su tre pilastri fondamentali: il gregoriano, linguaggio musicale per eccellenza della Chiesa; il corale luterano, in omaggio a Bach e, infine, il proprio linguaggio compositivo maturato nell’arco dell’intera esistenza.
 
Nella salita al Golgota di Cristo e nella sua morte, le note del grande compositore condensano il significato del mistero della resurrezione alla vita dopo la morte e ciò rappresenta, senza dubbio, un segno di speranza per un futuro che oggi appare cupo e denso di incognite.
L’uomo percorre da sempre la Via Crucis, sia essa individuale come collettiva e quindi è parso opportuno accompagnare la potenza narrativa di Liszt con alcune parole affidate alla drammaturgia di Renzo Fracalossi ed alle voci degli attori del Club Armonia (Patrizia Dallago, Mariano Degasperi, Claudia Furlani e Sara Ghirardi), per raccontare tre Vie Crucis umane ed emblematiche del nostro presente difficile e complesso, incastonandole dentro l’esecuzione del Coro Filarmonico Trentino.
Un recital insomma ai confini dell’umanità, per dire della forza dell’arte musicale e della parola, nel costruire un messaggio di pace e di speranza che mai come in questi giorni appare urgente e prezioso.
 
A Trento, venerdì 8 aprile ore 20.30 Chiesa di San Francesco Saverio in via Belenzani;
A Bolzano sabato 9 aprile ore 19.00, Conservatorio C. Monteverdi p.zza Domenicani 19;
A Bressanone domenica 10 aprile ore 17.00, Accademia Cusanus via del Seminario 2.

Ingresso libero e gratuito, nel rispetto delle vigenti norme antipandemiche.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande