Home | Arte e Cultura | Spettacoli | Festa delle Liberazione, il discorso di Chicchi a Pergine

Festa delle Liberazione, il discorso di Chicchi a Pergine

Il Teatro Comunale propone venerdì 22 aprile uno spettacolo dedicato a Teresa Mattei

La Festa della Liberazione si avvicina e in questo particolare momento storico risulta essere più che mai importante ricordare e celebrare tale ricorrenza. Il 25 aprile segna infatti il culmine della fase militare della Resistenza al nazifascismo nel 1945, che portò poi alla conclusione della guerra, del regime fascista e dell'occupazione nazista in Italia.

In vista di tale occasione il Teatro Comunale di Pergine propone uno spettacolo dedicato a Teresa Mattei, la più giovane delle ventuno donne elette il 2 giugno del 1946 nella neonata Repubblica Italiana, la più giovane delle Madri Costituenti.
Il discorso di Chicchi, che si terrà venerdì 22 aprile alle 20.45, vedrà nei panni della giovane partigiana l'attrice Alessia Donadio. La produzione firmata Associazione Baretti vede testo e regia a cura di Monica Luccisano.
 
2 giugno 1946 Primo Suffragio Universale in Italia
2 giugno 1946 Nascita della Repubblica Italiana
Un momento cruciale attraverso la storia di Teresa Mattei (1921-2013)
 
Quando fu eletta fra le 21 donne dell'Assemblea Costituente per la neonata Repubblica Italiana, Teresa Mattei aveva solo venticinque anni. Ex partigiana con il nome di battaglia Chicchi, sempre fedele ai suoi ideali, metteva sempre in primo piano la libertà di pensiero, la libertà morale e politica, e l’impegno civile per salvaguardare i diritti dei più deboli, specialmente donne e bambini.

Dal 1944, dopo la morte in carcere del fratello Gianfranco a seguito delle molte torture, Teresa si impegna sempre di più nella lotta contro il nazifascismo e partecipa alla guerra civile italiana nel Fronte della Gioventù. Fonda i Gruppi di Difesa della Donna e finisce la guerra di Liberazione con il grado di Comandante di Compagnia. È catturata dai tedeschi, torturata e violentata, ma tenacemente torna a combattere nella battaglia per la Liberazione di Firenze.
 
Il discorso di Teresa Mattei alla Costituente è denso e appassionato, come la sua vicenda umana. Nel corso della redazione della Carta Costituzionale, merito suo è l’inserzione nell’Articolo 3, nel comma 2, della specifica «di fatto», un elemento cruciale per la concretezza della parità sociale:
«Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese».
In quel «di fatto» sta la vera sostanza della parità.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande