Home | Arte e Cultura | Spettacoli | Musica Natura Relazioni prosegue con un concerto all'alba

Musica Natura Relazioni prosegue con un concerto all'alba

Un concerto di arpe alle prime luci del sole domenica 21 agosto, alle 7:30, sul prato antistante la secolare chiesetta di Sant'Apollonia in Val di Gresta

image

 
Dal buio alla luce, dal canto dei grilli a quello del gallo. E dal pianoforte all’arpa.
Dopo i Notturni al chiaro di Luna, che hanno visto la coinvolgente esibizione completamente al buio del Rifugio Fos-Ce della giovane pianista friulana Elisa Rumici, Musica Natura Relazioni propone un concerto all’alba: domenica 21 agosto, alle 7:30, sul prato antistante la secolare chiesetta di Sant'Apollonia, nella frazione Manzano di Mori, in Val di Gresta.
E saranno le Angry Harps capitanate da Francesca Tirale, arpista di chiara fama del panorama concertistico italiano, a passare dai suoni angelici ai riflessi del buio più oscuro. Perché, se nell’immaginario collettivo l’arpa è lo strumento di soavi armonie, le Angry Harps faranno conoscere «the dark side of the Harp», il lato oscuro (e divertente) di uno strumento delicato ma anche potente.
 
Un po’ di jazz, qualche nota pop e anche il rock, al sorgere del sole. Con le percussioni di Alessandro Darsinos, il flauto traverso di Anna Boschi e il fagotto di Francesco Fontolan a fare da controcanto.
Le Angry Harps sono Francesca Tirale, Francesca Pronto, Michele Valcanover, Irene Pengo, Marianna Fornasa e Fosca Leoni.
La chiesetta di Sant’Apollonia è raggiungibile solo a piedi, con due percorsi possibili: dal parcheggio Nagià-Grom sulla s.p. 45, in 15 minuti di facile passeggiata su strada, o da Mori vecchio con ascesa da via della Lasta, in circa 60 minuti di escursione.
Al termine del concerto le associazioni di Manzano e Nomesino Ass. Castel Frassem e Centro Tupten Osel Ling offrono una piccola colazione ai partecipanti. La partecipazione è libera e gratuita.
 

 
Il fine settimana successivo amanti della musica e curiosi potranno far visita all’atelier e laboratorio di liuteria del maestro liutaio Pio Sbrighi allestito sabato 27 e domenica 28 agosto (dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 16 alle 19) nella sede del Circolo Arci di Brentonico in via Roma a Brentonico per «toccare con mano» un violino.
Ai Ronchi di Ala invece sabato 27 agosto alle 21 serata alla scoperta dei rapaci: al buio della notte, la nostra vista non è più il senso a cui possiamo affidarci. Sfruttiamo quindi l’udito e con l’aiuto degli esperti della Fondazione Museo Civico di Rovereto ascoltiamo se qualche animale ci «parla» dai boschi. La partecipazione è gratuita ma occorre prenotare.
 
Musica Natura Relazioni è il cartellone di eventi estivi nel Parco Naturale del Monte Baldo che riunisce in sé la bellezza dei tre elementi cui deve il nome: musica, natura e relazioni. Spettacoli e passeggiate, concerti e degustazioni, per lo più all’aria aperta, nei rifugi, sui prati, nelle corti e nei palazzi di quella parte di Trentino che avvolge a settentrione il Monte Baldo sui territori dei cinque Comuni del Parco: Brentonico, Mori, Ala, Avio e Nago-Torbole.
Il programma completo di Musica Natura Relazioni - che prevede sia eventi gratuiti che a pagamento - è su https://www.musicanaturarelazioni.it/

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande