Home | Arte e Cultura | Cinema - TV | «Video ergo sum» al Palazzo delle Albere

«Video ergo sum» al Palazzo delle Albere

Tre incontri su cinema e conoscenza il 30 marzo e 5 aprile alle ore 18 e il 23 aprile alle ore 11 al Palazzo delle Albere

image

>
Palazzo delle Albere, nell’inedita veste di spazio cinematografico, apre le sue porte a un ciclo di tre incontri per rivedere e commentare insieme le scene di film celebri e meno noti, in un dialogo tra competenze e sensibilità diverse: quella filosofica e quella cinefila. Un confronto aperto e informale con docenti, registi e comunicatori su cinema, conoscenza, filosofia e bellezza.
A dare il via alla rassegna sarà il presidente del MUSE Stefano Zecchi.
Prende ispirazione dalla formula cartesiana «Cogito ergo sum», il nuovo cineforum a Palazzo delle Albere targato MUSE – Museo delle Scienze e Associazione il Funambolo, in collaborazione con Harpo e Trentino Film Commission.
Si chiama «Video ergo sum» ed è un itinerario in tre tappe – mercoledì 30 marzo, martedì 5 e sabato 23 aprile 2022 - che indaga il rapporto tra l’essere umano e la conoscenza, servendosi del cinema come spunto e mezzo di comunicazione.
 
La rassegna filmica, che viaggia in parallelo alla mostra «Il viaggio meraviglioso tra scienza e filosofia», visitabile fino al 5 giugno 2022 al primo piano di Palazzo delle Albere, propone momenti d'incontro, accompagnati da un aperitivo informale e da alcune scene selezionate da film più e meno celebri, che alimentano il dialogo tra la cultura filosofica e quella cinefila.
A curare la proposta, Guido Laino, regista, scrittore e anima di diversi festival culturali. L’ingresso, compreso di aperitivo/brunch, è di 5 euro con prenotazione obbligatoria su Ticketlandia.
Si parte mercoledì 30 marzo alle 18 con Marco Furgeri, filosofo e scrittore, e Miro Forti, presidente del Circolo del Cinema «San Marco» e membro della commissione di selezione del Trento Film Festival.
Al centro del dialogo, che sarà introdotto da presidente del MUSE Stefano Zecchi, ci sarà il mito platonico della caverna di Platone, in una sorta di prefigurazione del cinema che sollecita un ragionamento su verità e illusione.

Martedì 5 aprile, sempre alle 18, il secondo appuntamento della rassegna: Sofia Adami, editor e studiosa di filosofia, e Alberto Brodesco, scrittore e docente di «Science on Screen» al Master Scicomm (UniTrento) e di «Analisi dei processi comunicativi» alla LABA Trentino, parleranno del Dottor Faust come figura emblematica delle contraddizioni che segnano il rapporto tra l'uomo e la conoscenza in età moderna. 
Sabato 23 aprile alle 11 l’ultimo incontro: Daniele Porello, professore associato di Logica e Filosofia della Scienza all’Università di Genova, e Guido Laino, curatore della rassegna, analizzeranno spezzoni di film relativi al futuro e all’impatto dell’intelligenza artificiale sulla conoscenza virtualmente illimitata ma anche sul depotenziamento della centralità dell’essere umano.

Evento realizzato dal MUSE in collaborazione con il Funambolo, Harpo e Trentino Film Commission.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande