Home | Arte e Cultura | Musei | Porte... anzi portoni aperti alla cultura in Trentino

Porte... anzi portoni aperti alla cultura in Trentino

Negli spazi museali e nei castelli una ricca proposta di mostre e attività

Dal 2 giugno i musei e i castelli del Trentino aprono nuovamente i battenti al pubblico con una formula del tutto inedita: per quattro settimane il biglietto d’ingresso avrà un costo simbolico di 1 euro.
Per residenti e turisti un’occasione per riscoprire il grande patrimonio storico-culturale del territorio e ritrovare serenità ed energia contemplando la bellezza dell’arte.
Martedì 2 giugno alle ore 10.30 l'assessore provinciale alla cultura Mirko Bisesti sarà al Castello del Buonconsiglio.
 
Dopo quasi tre mesi di chiusura, nel corso dei quali il pubblico ha potuto compiere visite o prendere parte a laboratori e ad altre iniziative solo virtualmente, da martedì 2 giugno i musei e i castelli del Trentino apriranno nuovamente le loro porte.
Nel rispetto delle misure previste per garantire il distanziamento e la sicurezza, si potrà dunque tornare ad apprezzare e scoprire il grande patrimonio culturale e architettonico conservato nelle loro sale e nelle loro collezioni.
 
La riapertura sarà accompagnata nella sua prima fase da una iniziativa inedita e condivisa dall’intero sistema museale trentino.
Dal 2 giugno e per tutto il mese il biglietto d’ingresso avrà un costo simbolico di appena 1 euro per tutti gli utenti in maniera indifferenziata, eccetto le gratuità previste.
A riaprire saranno il Castello del Buonconsiglio con Castel Thun, Castel Beseno e Castel Stenico, il Mart - Museo di Arte Moderna e Contemporanea, il Muse - Museo delle Scienze, il Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina, il Museo Diocesano Tridentino, Le Gallerie, il Museo dell’aeronautica Giovanni Caproni, lo Spazio De Gasperi, il Museo Civico di Rovereto, il Museo Storico Italiano della Guerra, il MAG - Museo Alto Garda, il Museo Casa De Gasperi, il Museo tesino delle stampa e dell’ambulantato Per Via.
 
All’ingresso verranno adottate tutte le precauzioni del caso, come misurazione della temperatura, entrata contingentata, spazi sanificati, disponibilità di igienizzanti.
E ovviamente, obbligo della mascherina e rispetto della distanza minima di un metro.
Dopo i mesi dell’isolamento forzato, nella consapevolezza che la cultura è fonte e occasione di benessere per l’individuo, si vuole così stimolare l’attenzione verso questi presidi della cultura trentina, incoraggiando un contatto più diretto con il patrimonio museale inteso come esperienza rasserenante e rigenerativa.
È del resto tradizione consolidata per molte istituzioni museali, nazionali e internazionali, di rilasciare biglietti gratuiti ai residenti nella città proprio con l’intento di mantenere un legame forte tra le istituzioni culturali e i cittadini, di fatto i principali sostenitori finanziari dei musei.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni