Home | Arte e Cultura | Teatro | Alessandra Ferri pronta ad illuminare il Teatro Sociale

Alessandra Ferri pronta ad illuminare il Teatro Sociale

L’étoile, autentica leggenda della danza italiana, sarà a Trento con «L’Heure Exquise» per celebrare i suoi 40 anni di carriera

image

 
Un’autentica icona della danza italiana, una leggenda, una delle più importanti ballerine drammatiche del nostro tempo: Alessandra Ferri salirà sul palco del Teatro Sociale di Trento (mercoledì 27 aprile, ore 20.30) con «L’Heure Exquise», variazioni su un tema di Samuel Beckett «Oh, les beaux jours», per il penultimo appuntamento di questa prima parte di Stagione targata inDanza.22, la rassegna organizzata dal Centro Servizi Culturali S. Chiara e affidata alla direzione artistica del M° Renato Zanella.
Uno spettacolo creato per Carla Fracci e Micha Van Hoecke nel 1998 dall’indimenticato danzatore e coreografo Maurice Béjart (regia e coreografia) con cui l’étoile, accompagnata in scena da Thomas Whitehead, danzatore della Royal Ballett, ha voluto celebrare nel 2021 i suoi 40 anni di carriera.

Quarant’anni di luminosa carriera artistica nei quali l’étoile ha lavorato con alcuni tra i più grandi coreografi del nostro tempo (Sir Frederick Aston, Sir Kenneth McMillan, Roland Petit, John Cranko, John Neumeier, William Forsythe, solo per citarne alcuni), esibendosi sui palcoscenici dei teatri più prestigiosi al mondo e facendo incetta di illustri premi e riconoscimenti: dal Sir Lawrence Olivier Award al Dance Magazine Award e al Benois de la Danse, arrivando fino alla nomina a Cavaliere della Repubblica ricevuta nel 2006 dall’allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.

«Per celebrare e festeggiare con il pubblico questo traguardo cercavo un ruolo significativo, mai interpretato, giusto ed emozionante per l’artista che sono ora, – ha spiegato. - Riordinando il mio archivio ho trovato una pagina che parlava di un lavoro di Maurice Béjart basato su uno straordinario testo di Samuel Beckett: Giorni Felici. […] Il ruolo della protagonista, immaginato da Béjart nel 1998 è assolutamente fantastico, la sua Winnie è una ballerina âgée che nella sua malinconica solitudine vive nei gioiosi ricordi dei suoi giorni felici, il suo Willy è un suo ex-partner e la famosa collina di sabbia che la sommerge è una montagna di vecchie scarpette da punta. Non ho avuto dubbi, ho sentito che era quello il ruolo che cercavo […]».
 
Inoltre, a margine dello spettacolo, la mattina del 27 aprile Alessandra Ferri parteciperà ad un incontro riservato alle scuole, nello specifico con gli studenti del Liceo Coreutico di Trento, per un interessante e stimolante momento di ascolto e confronto con l’artista. L’incontro vedrà la partecipazione anche del m° Renato Zanella.
 

 
 Prossimi appuntamenti 
E il compito di chiudere questa prima parte di Stagione spetterà a Hervé Koubì. L’11 maggio il coreografo franco-algerino sarà in scena a Trento (Teatro Sociale) con la sua nuova creazione dal titolo «Ce que le jour doit à la nuit». Uno spettacolo in grado di unire il virtuosismo dei suoi dodici danzatori in una coreografia vibrante. Una pièce sensibile e sensuale in cui Hervé Koubì esplora attraverso la danza, tra fantasia e realtà, la propria storia, le origini e i suoi legami con l’Oriente.
 
  Biglietti e modalità di ingresso 
Biglietti acquistabili presso la biglietteria del Teatro Auditorium (lun-sab, 10-13, 15-19) e online sul sito www.centrosantachiara.it
Si ricorda che, in ottemperanza al Decreto-Legge 24 marzo 2022 n°24, per accedere all’evento è obbligatorio essere muniti del Green Pass rafforzato e indossare mascherine di tipo FFP2.
La richiesta di certificazione verde non verrà applicata ai minori di 12 anni o agli esenti dalla campagna vaccinale.
La certificazione verrà controllata dal personale addetto al momento dell’ingresso. In caso di indisponibilità del Green pass rafforzato non sarà possibile accedere agli eventi.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande