Home | Arte e Cultura | Teatro | «Kiss me, Kate» al Teatro di Pergine

«Kiss me, Kate» al Teatro di Pergine

Mercoledì 13 febbraio alle ore 20.45 va in scena un musical dal sapore shakesperiano

image

>
L’unione fra il grande compositore statunitense Cole Porter e l’immenso William Shakespeare porta immancabilmente ad un capolavoro: Kiss me, Kate, e una sua versione, quella diretta da Corrado Abbati, sarà in programmazione al Teatro di Pergine mercoledì 13 febbraio alle ore 20.45 per la Stagione del Comune.
È un musical tratto dalla brillante commedia shakespeariana La bisbetica domata, arricchita da una versione di teatro nel teatro: Kiss me, Kate è ritenuta da molti il musical perfetto, baciato dal successo fin dal suo debutto a Broadway nel 1948, raggiungendo ben 1077 recite consecutive e aggiudicandosi cinque Tony Awards come miglior musical, miglior autore di musical, miglior compositore, migliori costumi, miglior produttore.
 
Tale successo è poi continuato nelle tante riprese in tutto il mondo.
La pièce racconta la vicenda di due attori, un tempo marito e moglie e adesso ai ferri corti, che si trovano a recitare a Broadway nella versione musicale della commedia shakespeariana La bisbetica domata, con l'ovvia nascita di bisticci e ripicche.
Il tutto prende una piega ancora peggiore – ma con effetti davvero esilaranti – quando entrano in scena alcuni gangster che sono creditori del produttore.
Nella versione di Corrado Abbati, Kiss me, Kate vede un connubio equilibrato tra romanticismo e la delicata satira senza il sopravvento di nessuno di questi elementi sull'altro. 
 
Alcune parole del regista sullo spettacolo e sulla sua regia:
«Raccontare gli intrecci fra le vite private dei vari personaggi, i loro amori passionali, le loro gaffe mi ha permesso di assecondare l’ironia, la comicità, il pathos romantico, l’energia dei tanti numeri musicali di danza e il gioco del teatro nel teatro. Il tutto sottolineato con una visione di oggi per un musical che è comunque assolutamente attuale e sostenuto da un meccanismo tuttora valido. Senza dimenticare certo il contributo fondamentale della vena musicale di Cole Porter che passa dal valzer al tip-tap, da brani di sapore lirico a favolose canzoni. Non a caso Kiss me, Kate è stata incisa sia da star della musica leggera come Frank Sinatra, che della musica lirica come Placido Domingo. E se mi chiedete perché ho deciso di mettere in scena Kiss me, Kate, vi rispondo perché è un musical che appassiona e conquista: lo vedi una volta lo vorresti rivedere altre cento volte…» (Corrado Abbati).

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone