Home | Arte e Cultura | Teatro | Il festival torna dal 19 al 27 luglio a Centrale Fies, Dro

Il festival torna dal 19 al 27 luglio a Centrale Fies, Dro

Apre ufficialmente la XXXIX edizione di Drodesera: IPERNATURAL

image

Foto di Roberta Segata per Centrale Fies.

Apre ufficialmente IPERNATURAL - XXXIX edizione di Drodesera, il festival dedicato alla performance e performing art che dal 19 al 27 luglio torna negli spazi di Centrale Fies, dal 19 al 21 con Live Works vol. 7 e poi dal 24 al 27 con una programmazione dedicata alle arti performative.
In questi giorni Centrale Fies ospita in residenza i 9 artisti della Free School of Performance, vincitori di Live Works vol. 7. Il lavoro di selezione di Barbara Boninsegna e Simone Frangi, è stato portato a termine anche grazie alla collaborazione di Daniel Blanga Gubbay.
La direttrice artistica Barbara Boninsegna e fondatrice assieme al presidente Dino Sommadossi, racconta così.
 
«Ho scelto di allargare la collaborazione con un board curatoriale sempre più articolato e in espansione. Nella cura delle diverse sezioni del festival sono coinvolti infatti Filippo Andreatta, Simone Frangi, Denis Isaia, Sara Enrico, Alma Söderberg.
«Abbiamo costituito un gruppo eterogeneo di pensiero per allenarci a leggere le immagini che produciamo quotidianamente. Vogliamo dotarci di strumenti efficienti e di teste che portino sguardi reali e pensanti fuori dal nostro campo visivo, culturale e curatoriale.»
 

 
«Dopo un anno di laboratori per le scuole con il nostro programma Enfant terrible, workshop sulla comunicazione culturale e turistica con Trentino Brand New, e con un ciclo annuale di residenze artistiche, Centrale Fies apre la XXXIX edizione di Drodesera, partecipando così alla creazione di pensiero laterale e biodiversità culturali, credendo fermamente nell’intrinseco ruolo politico dell’arte e nella sua indomabile capacità di aprire nuove visioni.
«Quest’anno – dichiara Dino Sommadossi – tornano artisti pluripremiati, da tempo legati alla Centrale, come Alessandro Sciarroni (Leone d’Oro alla carriera Biennale Venezia 2019), o i nuovissimi premi UBU Marco D’Agostin, Chiara Bersani, Francesca Pennini di Collettivo Cinetico.»
 
Hanno preso parte alla Conferenza Stampa il Sindaco di Dro Vittorio Fravezzi e l'Assessore alla Cultura del Comune di Dro Marina Malacarne, che hanno sottolineato la straordinaria capacità di Centrale Fies di realizzare un progetto di respiro internazionale mantenendo un forte legame identitario con la comunità locale. Li vediamo nella foto seguente.
 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni