Home | Arte e Cultura | Teatro | Roberto Bolle all’Arena di Verona: qui in video – Di S. Matuella

Roberto Bolle all’Arena di Verona: qui in video – Di S. Matuella

Alla prima di ieri sera, Roberto Bolle e i suoi meravigliosi amici sono stati salutati con una lunga ovazione. Lo spettacolo replica oggi mercoledì 17 luglio

image

>
Dieci star della danza internazionale, guidate da Roberto Bolle, Étoile della Scala di Milano e Principal Dancer dell'American Ballet Theatre di New York, e illuminate dalle suggestive luci di Valerio Tiberi, si sono esibite ieri sera all’Arena di Verona, nell’ormai tradizionale galà di danza estivo, che per via delle grandi richieste da parte di un pubblico italiano e straniero, e di tutte le età, deve raddoppiare le date.
Lo spettacolo replica, quindi, oggi, mercoledì 17 luglio, alle ore 21.15, rinnovando così la magia nell’antico anfiteatro veronese, con un programma originale e avvincente, che spazia dal balletto classico al contemporaneo.
Alla prima di ieri sera, Roberto Bolle e i suoi meravigliosi amici sono stati salutati con una lunga ovazione, segno che la danza di altissima qualità è uno dei linguaggi artistici più amati dal grande pubblico.
Mostriamo qui alcuni dei momenti più intensi del galà di danza (si ringrazia la Fondazione Arena di Verona per la gentile concessione delle immagini).
 

 
Per quanto riguarda i nove Friends, sono grandi talenti che lavorano con le principali compagnie di danza internazionali, e sono eccezionalmente riuniti, grazie a Bolle, sul palcoscenico dell’Arena: ritornano così a Verona Angelo Greco e Misa Kuranaga (entrambi Principal Dancer del San Francisco Ballet) che aprono la serata con il classico Pas de deux da Coppelia e torneranno con le raffinate Soirées musicales di Britten.
Dal Ballett Zürich proviene la Principal Dancer Elena Vostrotina, protagonista di due coreografie di William Forsythe, tra cui il Pas de deux In the middle somewhat elevated, che Roberto Bolle non danzava da oltre dieci anni.
Russo di natali e Principal Dancer dell’American Ballet Theatre è Danil Simkin, che propone il solo dall’inedito Les Bourgeois e il celebre Pas de Deux dal Don Chisciotte in coppia con la georgiana Maia Makhateli, Principal Dancer del Dutch National Ballet.
 
I due giovani primi ballerini del Teatro alla Scala di Milano Timofej Andrijashenko e Nicoletta Manni propongono il Grand Pas Classique di Auber, mentre Alexandre Riabko (Principal Dancer dell’Hamburg Ballett) e la Guest Artist Stefania Figliossi sono impegnati con Bolle rispettivamente sulle note contemporanee di Simon&Garfunkel e della Serenata di Amerigo Ciervo (de iMusicalia, gruppo folk dedito alla ricerca e alla proposta della musica popolare sannita).
Il programma si completa con un brano originale, che unisce poesia e tecnologia, realizzato appositamente per l’evento: Waves, per la coreografia di Massimiliano Volpini e le musiche di Davide «Boosta» Dileo, fondatore dei Subsonica.
Per l’occasione Roberto Bolle danza in uno spettacolare duetto con il laser, che dona inediti e magici effetti di luce nello spazio unico dell’Arena.
Informazioni e biglietti su www.arena.it e sui canali social Facebook, Twitter, Instagram e YouTube.

Sandra Matuella

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni