Home | Arte e Cultura | Teatro | Al via a Trento la stagione di Teatro Ragazzi 2019-2020

Al via a Trento la stagione di Teatro Ragazzi 2019-2020

14 spettacoli distribuiti tra «Anch’io a teatro con mamma e papà» e «Scappo a teatro»

image

>
Bolle di sapone, musica e gioco, ma anche momenti di dibattito, approfondimenti su tematiche di stretta attualità, attenzione alle problematiche ambientali ed il consueto coinvolgimento delle scuole. Sono questi alcuni degli elementi che scandiranno la stagione di Teatro Ragazzi, costruita su un’offerta di quattordici spettacoli programmati dal Centro Servizi Culturali S. Chiara in collaborazione con il Coordinamento Teatrale Trentino – con la consulenza artistica di Giovanna Palmieri - distribuiti all’interno delle due consolidate rassegne: «Anch’io a teatro con mamma e papà», che tenta di avvicinare i più piccoli alla magia dello spettacolo, e «Scappo a teatro», rassegna che invece guarda al pubblico delle scuole, e che vede nel teatro un importante strumento formativo e di approfondimento.
 
L’intero programma e tutte le novità sono stati presentati nel corso di una conferenza stampa da Francesco Nardelli, direttore del Centro Servizi Culturali S. Chiara, Loreta Failoni, presidente del Coordinamento Teatrale Trentino, e Giovanna Palmieri, consulente artistica.
Durante la conferenza sono intervenuti anche Chiara Martinelli (Agenzia della Famiglia) ed Elia Rossi, illustratore della rassegna.
La stagione prenderà il via sabato 26 e domenica 27 ottobre con il primo di sedici appuntamenti (due titoli sono presenti in entrambe le rassegne) che proseguiranno fino a marzo e animeranno i palchi del Teatro Cuminetti, Teatro Auditorium e del Teatro SanbàPolis di Trento.
 

 
 «Anch’io a teatro con mamma e papà» 
«La consueta rassegna per famiglie Anch’io a teatro con mamma e papà si presenta per la nuova stagione con una veste all’insegna della tradizione, ma anche dell’innovazione – ha spiegato la consulente artistica Giovanna Palmieri – attraverso una serie di proposte teatrali cariche di emozioni e contenuti, con linguaggi in grado di rivolgersi sia ai bambini che agli adulti».
Basti pensare al primo appuntamento che inaugurerà la rassegna sabato 26 e domenica 27 ottobre: «Controvento - Upwind», di e con Michele Cafaggi, attraverso la poesia delle bolle di sapone tenterà di affrontare un tema rilevante e decisamente attuale come la tutela dell’ambiente.
Sabato 9 e domenica 10 novembre, Principio Attivo Teatro racconterà la «Storia di un uomo e della sua ombra», spettacolo che con pochi artifici scenici tenterà di descrivere in maniera semplice e diretta i conflitti tra gli esseri umani, attraverso equivoci e divertenti gag.
 

 
Sabato 23 e domenica 24 novembre, invece, la Compagnia Teatrale Mattioli con «Avanti… Permesso» metterà in scena le difficoltà dei bambini, e non solo, nell’incontro con l’altro, accompagnando lo spettacolo con immagini, musiche e situazioni comiche.
Sabato 30 novembre e domenica 1 dicembre Cada Die Teatro salirà sul palco del Cuminetti con «Più veloce di un raglio», il divertente racconto di un asinello brutto e spelacchiato, pronto però ad insegnare a tutti che non bisogna farsi ingannare dalle apparenze.
Nel weekend di sabato 7 e domenica 8 dicembre, il palco del Teatro SanbàPolis diventerà luogo di riflessione e indagine per i più piccoli con «Famiglie», testo promosso all’interno del Festival della Famiglia (a cura dell’Agenzia della Famiglia).
 

 
La Stagione proseguirà nel 2020 con i due appuntamenti di sabato 4 e domenica 5 gennaio che avranno per protagonista il «Piccolo Asmodeo», fiaba che narra le vicende di un novello Mefistofele alla ricerca del suo Faust.
Sabato 11 e domenica 12 gennaio toccherà alla compagnia Teatro Telaio con «Abbracci», una tenera storia d’amore tra due panda che indagherà sul grande potere comunicativo che può racchiudere un gesto come l’abbraccio.
Sabato 25 e domenica 26 gennaio sarà il turno di una tra le fiabe più antiche e conosciute, «Cappuccetto e il lupo», riletta dalla Compagnia Bella.
Ultimo appuntamento della rassegna, sabato 8 e domenica 9 febbraio, con «Casa di paglia, di legno e di mattoni… E altre storie», progetto di Renzo Boldrini basato sulla proposizione di alcune storie originali per bambini, ragazzi e giovani.
Infine, come ogni anno, al termine di ogni spettacolo è previsto un piccolo intrattenimento a cura delle compagnie. Verrà inoltre distribuita ai bambini una sana «Merenda a teatro», offerta in questa stagione da Almaverde Bio.
 

 
 «Scappo a teatro» 
Da sempre attenta al mondo delle scuole, anche nella stagione 2019/2020 la rassegna Scappo a teatro si propone come importante strumento pedagogico e laboratoriale, intensificando l’intreccio tra la visione degli spettacoli e i momenti formativi tra i ragazzi, gli attori e i registi protagonisti degli appuntamenti in cartellone.
Un’offerta che, come di consueto, combinerà sapientemente momenti di riflessione e approfondimento su tematiche sociali e psicologiche, con spettacoli in inglese che tenteranno di avvicinare i ragazzi al mondo delle lingue straniere.
La rassegna prenderà il via martedì 26 novembre con «Lezioni di famiglia», un testo di Donatella Diamanti che metterà a nudo, con toni leggeri e comici, il rapporto genitori-figli, presentando lo sguardo degli adolescenti sul ruolo dei genitori.
 
Per il secondo e terzo appuntamento della rassegna verranno riproposti «Famiglie» (lunedì 9 dicembre) e «Abbracci» (lunedì 13 gennaio), quest’ultimo recitato in lingua inglese.
La programmazione dedicata alla lingua inglese proseguirà mercoledì 5 febbraio con «Is this a dagger? The story of Macbeth», rilettura di un classico shakespeariano per eccellenza, messo in scena dall’interprete e narratore scozzese Andy Cannon, mentre mercoledì 19 febbraio toccherà alla Action Theatre in English con «In the Web», rappresentazione che metterà in evidenza tutti i pericoli che possono celarsi dietro il mondo di internet e dei social media.
Il bullismo, altra tematica particolarmente attuale e preoccupante, verrà invece affrontato nello spettacolo proposto dalla compagnia Teatro delle Briciole, martedì 10 marzo, intitolato «Terry». Infine, la stagione si concluderà mercoledì 25 marzo con «Favole al telefono», spettacolo che raccoglie alcune delle più celebri favole di Gianni Rodari, nato da una collaborazione tra il Centro S. Chiara e la Fondazione Aida.
 
Per quanto riguarda le condizioni di abbonamento, è possibile prendere parte a tutti i nove appuntamenti di «Anch’io a teatro con mamma e papà» ad un costo di 33 Euro (l’abbonamento è a turno fisso il sabato o la domenica).  Invariato il prezzo per gli spettacoli della rassegna «Scappo a teatro» - riservata alle scuole – acquistabile al costo di 5 Euro (posto unico non numerato).
Per ulteriori informazioni su spettacoli, orari, prezzi, modalità di iscrizione, visitare il sito www.iocentro.net.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni