Home | Arte e Cultura | Teatro | Il Circuito Danza passa da Cles con «R.OSA» il 17 gennaio

Il Circuito Danza passa da Cles con «R.OSA» il 17 gennaio

È uno spettacolo ironico e profondo di Silvia Gribaudi, interpretato da Claudia Marsicano – Venerdì 17 2020, ore 21, Cinema Teatro di Cles

image

>
Proseguono gli appuntamenti con il Circuito Danza del Trentino Alto-Adige organizzato dal Centro Servizi Culturali S. Chiara. Venerdì 17 gennaio 2020, alle ore 21.00, il Cinema Teatro di Cles ospiterà «R.OSA_10 esercizi per nuovi virtuosismi», spettacolo nato da un’idea di Silvia Gribaudi (che ne ha curato anche la coreografia e la regia), magistralmente interpretato da Claudia Marsicano, Premio Ubu 2017 come miglior nuova attrice under 35.
Leggerezza-ironia-libertà. Così si potrebbe descrivere la cifra stilistica di Silvia Gribaudi, artista torinese da un decennio attiva sulla scena della performing art italiana ed europea.
 
Al centro della sua ricerca il corpo – danzante e teatrale – ma anche la relazione con il pubblico. Nonché tematiche legate all’inclusione e all’indagine del tessuto sociale: l’età, il gender, la diversità, sono nodi ricorrenti sviscerati dalla coreografa in progetti articolati capaci di coinvolgere anche interpreti non professionisti, oppure straordinari solisti come ad esempio Domenico Santonicola, danzatore sessantottenne già Militare delle Forze Armate Italiane, interprete nudo dell’assolo «What age are you acting?» in cui declina il tema delle tracce lasciate dal tempo sul corpo o Claudia Marsicano, prorompente performer di «R.OSA».
Un assolo al femminile, «R.OSA», come il colore evocato dal titolo inequivocabilmente ricorda, ma anche un assolo sull’osare come invece la grafica con enfasi sottolinea.
 
Con un segno a tratti dissacrante, a tratti provocatorio e a tratti poetico, Gribaudi costruisce un viaggio nell’anti-stereotipo del femminile imposto dalla nostra società dell’immagine e dipendente dalla ricerca di perfezione oltre natura.
Diventato un cult delle ultime stagioni nei teatri di tutta la penisola, l’assolo coinvolge, diverte e pone interrogativi.
«Cosa mi fa sentire bella? Cosa mi rende fiera? La bravura o la corrispondenza a canoni estetici imposti? Quali pregiudizi e criteri applichiamo nel giudicare le persone? E come e quando questi pregiudizi riescono a svanire?»
 
Claudia Marsicano risponde a tutti questi quesiti con la sua bravura, la sua dirompente presenza scenica guidata dalla mano salda della regista-coreografa, capace di trascinare con ritmo il pubblico in un rito collettivo.
In una scena priva di orpelli, il corpo di Claudia Marsicano diviene movimento coreografico, suono, immagine dissacrante, colore.
Una partitura del gesto apparentemente informale che esprime un disegno più ampio: la figura di una donna con i suoi dettagli, le sue forme, i suoi difetti che diventano bellezza.
Il risultato? Il performer diviene opera; l’opera diviene messaggio. Un monito forte e chiaro per lo spettatore.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni