Home | Eventi | Così il clima che cambia…cambia anche la società

Così il clima che cambia…cambia anche la società

Si è parlato di consumi, di spreco, di trasparenza e di vita quotidiana nel dibattito di ieri sera a «Climatica...mente 2011»

Al bando dati tecnici, analisi scientifiche, proiezioni statistiche: ieri sera, in Sala Depero, nel Palazzo della Provincia, a Trento, nell'ambito dell'evento «Climatica...mente cambiando - Trentino clima 2011», la conferenza pubblica ha assunto i toni del dialogo attorno alle soluzioni e alle strategie per i cittadini che hanno a cuore il futuro.

Alla luce appunto di come il cambiamento climatico ...cambia e sempre più cambierà la vita di tutti i giorni, si è discusso di una possibile «nuova società».

Protagoniste Cristina Gabetti, giornalista (volto noto ai telespettatori per la rubrica «Occhio allo spreco» all'interno di «Striscia la notizia») e Alessandra Goria, ricercatrice presso la Fondazione ENI Enrico Mattei.
A moderare ed introdurre l'incontro Beatrice Costa, coordinatrice di Sviluppo Territoriale - Action Aid Italia.
Impresa titanica, si è detto, quella di «pensare e costruire un'economia e una società nuova alla luce dei cambiamenti climatici e ambientali in atto».

Di certo,- questo il filo conduttore della serata - ognuno di noi può, da subito, mettere in atto comportamenti quotidiani, piccoli gesti, capaci di invertire la tendenza.
Resi ancora più necessari dall'evidenza della crisi in atto che «ci costringerà ad un radicale cambiamento del nostro modo di vivere» ha detto Cristina Gabetti, mentre Alessandra Goria ha sottolineato come «il dibattito attorno al cambiamento climatico sia uno dei tasselli di una sfida energetica dalle mille sfaccettature».

A partire, magari, da un paradosso delle democrazie: la classe politica appare bloccata ed incapace di scelte e decisioni radicali proprio perché «imprigionata», per la gran parte, da un sistema che ogni tot di anni, mettendo questo e quel colore in competizione, costringe a tattiche, prudenze, equilibrismi.

Eppure non c'è tempo, è stato sottolineato, specie negli interventi dal pubblico: il 2030, anno tanto citato quale tappa entro la quale ridurre in maniera significativa emissioni ed inquinamenti, non è affatto lontano. «E' già qui - ha tuonato un signore dalla platea, dopo aver annunciato la sua rinuncia all'automobile a favore della bici nonché la provocatoria speranza della benzina a prezzi impossibili - e la globalizzazione ci ricorda che i problemi di miliardi di esseri umani sono sempre più comuni, sempre più connessi: in Italia come nel Corno d'Africa, nel Sud America come nel Golfo del Messico.»

D'effetto le cifre fornite da Cristina Gabetti, autodefinitasi «apprendista ortolana», riguardo al peso ambientale.
Sì, perché se uno spazzolino da denti pesa 10 grammi quando lo teniamo in mano, pesa invece un chilo e mezzo rispetto a quanto è costato produrlo, a quali materia impiega, a come sarà possibile smaltirlo.

Non basta: i cento grammi di un telefono cellulare equivalgono a 75 chili mentre il microchip di una carta di credito - 0,09 grammi - incide sull'ambiente, su tutti noi, per 20 chilogrammi.
Infine il computer: un chilo e mezzo di roba capace di pesare per 1.500 chili.
Consumi abnormi, spreco: argomenti ricorrenti nel dibattito di ieri sera.

Ma molti altri gli spunti: con i complimenti di Cristina Gabetti al territorio che organizza l'appuntamento di «Climatica...mente» («qui in Trentino si percepisce una attenzione importante alle questioni ambientali e climatiche»); con la sottolineatura di nuovi fenomeni: i GAS, i Gruppi di acquisto solidale, cittadini che si mettono assieme per meglio pianificare ed organizzare le spese; i negozi del Consumo equo e solidale; la ricerca di una mobilità sostenibile.

Certo, a fronte di una dimensione europea che - specie nei Paesi del Nord - sembra riuscire ad imporre significativi cambiamenti nelle abitudini e nei consumi quotidiani, l'Italia - è stato amaramente ribadito - dimostra un blando attivismo, incapace di una spinta organizzata e concentrata come avviene altrove.

E l'Occidente, dove la malattia più diffusa è diventata la depressione, e dove a fatica si cercano di introdurre le nozioni di mitigazione e compensazione, deve confrontarsi con la povertà energetica.
Per dirne una: il mondo ricorre al 50 per cento ancora ai combustibili fossili. Risultato? Un milione e mezzo di morti all'anno per i fumi di queste combustioni.
Ed ancora: la crisi finanziaria in atto riuscirà a salvare i fondi che erano stato garantiti ai Paesi più poveri proprio per contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici? Ecco l'interdipendenza, ecco come anche i cambiamenti climatici sono - lo ha ribadito con forza Alessandra Goria - «tassello di una molteplicità di problemi da affrontare nella loro interezza».

E di questa interezza fanno parte anche la trasparenza (internet è stato ripetutamente indicato come luogo possibile per un afflusso di informazioni capaci di sfuggire alle grandi lobby) e l'educazione.
In bilico tra orgogliosa rivendicazione di una rivoluzione quotidiana che parte dai gesti e dai comportamenti di ciascuno e una visione a tratti pessimista, il confronto di ieri una cosa l'ha stabilita: il clima che cambia, cambia anche la società, non v'è dubbio.

Sul passo successivo - cambiare mentalità, abitudini e stili di vita - di chi «fa» la società, il cammino appare ancora lungo.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande