Home | Eventi | Trentini, mettiamo «le nostre mani per crescere insieme»

Trentini, mettiamo «le nostre mani per crescere insieme»

Il 10 marzo, manifestazione popolare per l’Autonomia in Piazza Battisti a Trento

image

Dopo i ripetuti attacchi della stampa nazionale contro quelli che giornalisti superficiali definiscono ingiusti privilegi trentini, sono tante le iniziative messe in campo per difendere la nostra preziosa Autonomia. 
Noi dell'Adigetto.it non apparteniamo ad alcun partito, ma consideriamo l'Autonomia del Trentino come uno dei valori più importanti per l'intera democrazia Europa. Per questo l'abbiamo sempre difesa senza remore, certi che non solo che sia da salvaguardare, ma anzi da esportare in tutto il Paese perché si è dimostrata l'iniziativa più riuscita alla classe dirigente europea alla fine del Secondo conflitto.
 
Un comitato di natura spontanea, che è sorto per scendere in piazza per difendere l'Autonomia del Trentino, oggi ha indetto una conferenza stampa (nella foto, mentre parla Lorenzo Baratter) per diffondere l'invito alla popolazione affinché partecipi a una manifestazione popolare di massa.
Pubblichiamo qui di seguito il comunicato che è stato diffuso nell'occasione. 

Rinnovare la partecipazione politica e stimolare la consapevolezza dei trentini sul grande valore dell’Autonomia al di là delle appartenenze di partito e delle diverse sensibilità: questo il grande obiettivo che si pone la manifestazione indetta spontaneamente dai Trentini.
Non vogliamo e non pretendiamo di eleggerci a interpreti dei bisogni dei trentini ma ci interessa fare in modo che i cittadini possano prendere parte alla discussione dei problemi dell’Autonomia assumendosi l'onere dell'impegno in prima persona non solo per difenderla, ma anche per rinnovarla.
 
La manifestazione è una straordinaria occasione di rilancio, di condivisione e presa di coscienza da parte della gente trentina dei valori più autentici dell’Autonomia.
L’Autonomia deve avere il presupposto della più vasta unità della cittadinanza, della massima sobrietà nell’uso del denaro pubblico, della responsabilità personale senza aspettare la risoluzione dei problemi sempre dall’alto o da «mamma Provincia»
 
Siamo anche consapevoli che la nostra Autonomia, soprattutto in questo momento di crisi, è fonte di attacchi e d’invidie sia da parte dei governatori delle regioni vicine, sia da parte di un’opinione pubblica nazionale che spesso non conosce la nostra storia (ma nemmeno quanto previsto dalla legge fondamentale dello Stato) e ritiene l’autonomia un «privilegio» non giustificato.
Siamo in un momento in cui sempre più spesso, in preda anche a demagogia e populismo, i detrattori del sistema di autogoverno trentino sono ferocemente interessati a fare piazza pulita di quelli che vengono indistintamente chiamati «privilegi».
 
E’ giunto anche il momento di dire basta!
Mentre accettiamo le giuste critiche che a volte ci vengono mosse, come quella dei costi della politica o dell’eccessiva invadenza del pubblico sul privato, rivendichiamo anche il buon governo degli organi istituzionali della nostra Autonomia e la positiva gestione delle competenze che sono state progressivamente strappate ad uno Stato accentratore, oltre a rivendicare un diritto acquisito conquistato dalle nostre genti.
 
«Le nostre mani per crescere insieme» è uno degli slogan che abbiamo scelto per la manifestazione perché crediamo che l'Autonomia trentina offra un modello esportabile in tutta Italia e non da combattere.
Siamo convinti che tutte le altre regioni e popoli dovrebbero avere la possibilità di autogestirsi ed in questo il Trentino potrebbe offrire un modello di autonomia da seguire come esempio per far crescere il Paese intero.
 
Attraverso questa manifestazione vogliamo fare chiarezza su cosa significa veramente la parola «autonomia» e quanto questo concetto significhi una forma evoluta di democrazia, partecipazione, piena applicazione del principio di sussidiarietà.
In tutte le epoche di crisi il pericolo è sempre quello che vengano accentrate le soluzioni dei problemi e che vengano cancellate le prerogative autonomistiche.
 
A questo si deve reagire con la massima consapevolezza e mobilitazione, come avvenne nel dopoguerra con il grande movimento dell’ASAR che portò in piazza migliaia e migliaia di trentini di ogni appartenenza politica uniti nel rivendicare l’Autonomia del Trentino nell’ambito dello Stato repubblicano prima ancora che venisse solennemente sancita dalla Costituzione della Repubblica Italiana e dagli accordi internazionali.
Il nostro è un progetto aperto, tutto da costruire, per una rinascita dal basso della partecipazione, in un momento in cui la politica è vista con diffidenza da molti cittadini.
 
Ecco perché proponiamo, attraverso questa manifestazione, che è solo punto di partenza, una svolta di metodo per discutere nuove idee e proposte per il futuro della nostra Autonomia senza preconcetti e senza steccati ideologici, in un quadro di federalismo europeo.
Naturalmente il nostro sentire ci porta a sostenere anche altre Regioni italiane che rivendicano l’autogoverno nella trasparenza e nella responsabilità senza per questo venir meno ad un dovere di solidarietà nazionale, europeo o mondiale.
 
Tutto questo ci auguriamo possa iniziare il 10 marzo 2012 in piazza Battisti a Trento alle ore 14.
Saranno previsti una quindicina di brevi interventi, ovvero una sequenza di testimonianze dell’Autonomia che daranno una visione corale di un valore ancora fortemente sentito, dal quale bisogna ripartire, in un momento difficile, coinvolgendo innanzitutto la società civile trentina, ripartendo da ciò che ci unisce e non da ciò che ci divide.
 
Ci piace pensare a questa piazza come ad un sorta di grande Open Space aperto a tutti i cittadini, di qualsiasi provenienza politica, dove si potrà discutere dal basso del futuro della nostra Autonomia.
 
manifestazione.autonomia@yahoo.it 
Tel 340 3728640 - 347 1152114

 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande