Home | Eventi | La Provincia si sta attrezzano per una scuola multiculturale

La Provincia si sta attrezzano per una scuola multiculturale

Per questo è stato necessario organizzare il Convegno internazionale «Formarsi a un Ethos interculturale». Si svolgerà venerdì 12 e sabato 13 ottobre

image

Stamattina l’assessore provinciale all’Istruzione Marta Dalmaso ha presentato insieme con Luciano Covi, direttore Centro Formazione Insegnanti, Massimiliano Tarozzi (Università di Trento), Lauta Bampi (Centro Millevoci) e tre dirigenti scolastici che parleranno rispettivamente in altrettante sezioni parallele all’interno, il convegno «Formarsi a un Ethos interculturale».
Si tratta di un convegno internazionale che si svolgerà venerdì 12 e sabato 13 ottobre 2012 presso l’Auditorium Melotti (Mart Rovereto), organizzato dal Centro Formazione Insegnanti in collaborazione con il Ministero Istruzione Università e Ricerca (MIUR), la Facoltà di Scienze cognitive dell’Università di Trento e il Centro Interculturale Millevoci.
 
Non si tratta di un convegno qualunque – hanno sottolineato quasi tutti i relatori – anche se molto qualificato e con la presenza di esperti internazionali di alto livello, ma del punto d’approdo e nel contempo di ripartenza di un percorso di conoscenza e approfondimento delle buone pratiche e della riflessione sull’integrazione interculturale in una scuola e in una società completamente mutata negli ultimi tempi.
È la stessa presenza degli studenti stranieri nella scuola italiana e in quella trentina che richiede una nuova articolazione, guardando per esempio ai risultati d’apprendimento molto differenti non solo tra studenti trentini e studenti stranieri, ma anche tra studenti di prima generazione e quelli di seconda generazione, nati in Italia da coppie ormai stabili nel nostro paese. Una realtà, quest’ultima, che è in crescita notevole.
 
Gli ultimi dati Invalsi, ha ricordato il direttore del Centro Luciano Covi, ci devono far riflettere su una nuova presenza di ragazzi stranieri che fanno registrare risultati d’apprendimento migliori rispetto ai primi stranieri giunti nella nostra scuola, ma ancora inferiori rispetto quelli degli studenti trentini.
E non bisogna pensare che si tratti di bambini «analfabeti» o che la «colpa» sia della carenza linguistica, perché spesso si tratta di ragazzi bilingui o trilingui e che, comunque, parlano italiano e bene.
Il problema, allora, è più complesso e proprio per questo il Centro di Rovereto ha attivato un percorso di formazione che ha portato 16 presidi dei nostri istituti (11 degli istituti comprensivi, 2 di quelli superiori e 3 della formazione professionale) a trasformarsi in «dirigenti esploratori in contesti multiculturali», in giro per realtà scolastiche di altre regioni, ma significative per le «buone pratiche» in questo ambito.
 
E nelle due giornate di Rovereto ci saranno molti partecipanti provenienti da altre regioni, assieme ad esperti dall’Italia e dall’estero fino a Jagdish Gundara, punto di riferimento a livello internazionale sulla formazione degli insegnanti e sull’educazione interculturale, che dialogherà con Massimiliano Tarozzi, docente della Facoltà di Scienze Cognitive e riferimento nella nostra provincia di molte iniziative di ricerca e formazione proprio sull’approccio interculturale nella scuola.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni