Home | Eventi | Si chiama Foody la mascotte ufficiale di Milano Expo 2015

Si chiama Foody la mascotte ufficiale di Milano Expo 2015

Racchiude i temi fondanti della manifestazione proponendoli in una chiave positiva, originale, simpatica ed empatica

image

Si chiama «Foody» la mascotte ufficiale di Expo Milano 2015. È questo il nome del volto composto da frutta e verdura che Disney Italia ha disegnato per rappresentare l’Esposizione Universale.
A rivelarlo sono stati i bambini che lo hanno proposto e che, questa mattina, insieme al Commissario Unico per Expo Milano 2015 Giuseppe Sala hanno tenuto a battesimo la simpatica figura che racconta con la sua espressione felice e rassicurante le sfide racchiuse nel tema «Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita».
 
La mascotte di Expo Milano 2015 racchiude i temi fondanti della manifestazione proponendoli in una chiave positiva, originale, empatica. È sincero, saggio, rispettoso e amante della sana e buona cucina.
Rappresenta la comunità, la diversità ed il cibo inteso nella sua accezione più estesa, fonte di vita ed energia ed è per questo che è costituito da una famiglia di 11 elementi, ognuno con caratteristiche e personalità diverse, che agiscono come veri e propri personaggi.
Riuniti in un Volto Unico essi rappresentano l’ideale sinergia tra i Paesi del mondo chiamati a rispondere con energia e positività alle sfide del nostro pianeta sull’alimentazione presentandosi come una vera famiglia, unica, simpatica e dinamica.
 
«Oggi abbiamo tutti il piacere di conoscere Foody e i suoi amici – ha spiegato il Commissario Unico Giuseppe Sala. – Se è vero che dandosi del tu e chiamandosi per nome si entra in contatto diretto con gli altri, quello di oggi rappresenta un bel momento nella storia di Expo Milano 2015.
«La mascotte – ha aggiunto Sala - non solo farà parte del nostro quotidiano, ma acquisterà una forza narrativa ed espressiva unica.
«Il nome scelto, Foody, sposa i valori dell’Esposizione Universale e ne rispetta a pieno l’identità: rappresenta bene il senso di comunità, di diversità che si compone in unità che vogliamo trasmettere ai visitatori di tutto il mondo, tenendo sempre presente che il cibo, con la sua varietà, è fonte di vita e di energia.»
 
Oltre al nome del volto della mascotte, è stata svelata anche l’identità degli altri 11 personaggi.  Delle oltre 8.000 proposte ricevute da chi ha partecipato al contest lanciato lo scorso dicembre ecco le vincitrici: Josephine (Banana), Rodolfo (Fico), Chicca (Melagrana), Arabella (Arancia), Gury (Cocomero), Manghy (Mango), Piera (Pera), Pomina (Mela), Rap Brothers (Rapanelli), Max Mais (Mais Blu), Guagliò (Aglio).

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande