Home | Eventi | Natale 2019 | Ala, il Natale nei palazzi barocchi cresce in grazia e bellezza

Ala, il Natale nei palazzi barocchi cresce in grazia e bellezza

Ora sono otto i palazzi aperti per l’evento 2019 e ci sono proposte per bambini

image

>
Il Natale nei palazzi barocchi di Ala cresce: due palazzi in più aperti nei giorni dell'evento di cui uno dedicato ai bambini, atmosfere barocche, mercatini nei cortili e negli androni, performance itineranti di artisti di strada, concerti in piazza, mostre d'arte.
Ci saranno anche un trenino per la gioia dei più piccoli, visite in centro alla luce delle lanterne, locande con cibi e piatti tipici.
Ci sarà anche molta musica classica, un altro segno che caratterizza Ala.
 
La manifestazione Natale nei palazzi barocchi si propone per il quarto anno ad Ala come evento alternativo agli ormai numerosissimi Mercatini di Natale.
Una sfida coraggiosa del Comune di Ala che ha appassionato anche il Coordinamento Teatrale Trentino che, dopo l’esperienza di Città di Velluto sarà ancora al fianco dell’Amministrazione comunale di Ala come socio e come gestore della manifestazione dedicata al Natale, con la conferma del supporto di Riccardo Ricci, titolare della ditta Skenè Lab, in qualità di direttore artistico ed organizzatore che dal primo anno ne ha curato la realizzazione con successo.
 
A differenza di tante proposte di questo periodo, il Natale di Ala non si limita ai mercatini ma proporrà eventi e occasioni di intrattenimento in centro.
Un'altra novità, molto curiosa, riguarda il filo rosso lungo un chilometro ed illuminato con luci a led che collegherà tutti gli otto palazzi, guidando così i visitatori nel percorso all'interno del centro storico. L'acquisto del tubo illuminato è stato possibile grazie al contributo dato dalla Cassa Rurale Vallagarina.
 
Il Natale nei palazzi barocchi 2019, con la nuova gestione organizzativa, intende proseguire il percorso artistico, turistico e commerciale istituito nella prima edizione del 2016, per contribuire a consolidare l’evento che si rivolge ai cittadini e ai turisti, nei cinque weekend che precedono il Natale, dal 23 novembre al 22 dicembre, con orario dalle 10 alle 19, fino alle 20.30 per i prodotti eno-gastronomici.
Il visitatore si farà coinvolgere dalle bellezze architettoniche, dall’originale ambientazione dei mercatini nei palazzi, dalle proposte artigianali e dagli intrattenimenti che si alterneranno durante le giornate.
 
L’immaginario barocco garantirà la riconoscibilità, l’identità e l’unicità dell’evento nelle diverse declinazioni di stile, architettura, manifattura e musica in relazione alla storia della città.
Con il Natale nei palazzi barocchi Ala si vestirà dell’atmosfera natalizia ricreata scenograficamente per accogliere il turista.
Il Mercatino proporrà le diverse discipline del mondo artigianale ed artistico e si legherà alle attività commerciali della città, in particolare a quelle iniziative strettamente legate alla produzione della seta come i tessuti di velluto o la presenza di telai, che hanno contribuito a rendere grande la città di Ala.
 
La manifestazione potrà così ricreare, attraverso la magica atmosfera della festa religiosa, le identità del territorio per vocazione accogliente ed ospitale e sarà così favorita una continuità con i programmi di valorizzazione turistica e culturale che l’Amministrazione Comunale sta sviluppando in questi anni.
Il progetto sarà concepito per contribuire a valorizzare il centro storico della città e a favorire le attività degli esercenti locali (commercianti, bar, ristoranti, hotel e B&B) attraverso il Mercatino di Natale, le visite guidate proposte dalle associazioni, le mostre, gli intrattenimenti e grazie al suggestivo ed esclusivo percorso offerto dall’architettura valorizzato dalle luci natalizie e teatrali.
I palazzi di maggior pregio della città si apriranno ai visitatori che potranno incontrare gli artigiani e conoscere le loro proposte tra le sale e gli androni dei palazzi e degustare i prodotti enogastronomici del territorio locale.
 
Quest’anno due palazzi si aggiungeranno agli altri sei, una sala del palazzo comunale e palazzo Malfatti di via Torre.
Tra i numerosi appuntamenti proposti, in collaborazione con le realtà culturali di Ala, segnaliamo il nuovo spazio dedicato ai piccoli visitatori, nonché i protagonisti del Natale.
Palazzo Malfatti Scherer di via Nuova accoglierà i bambini con laboratori a tema, la stanza di Babbo Natale e il cortile dei balocchi, mentre il salone dei concerti di palazzo Pizzini ospiterà tre spettacoli teatrali per la famiglia e i bambini dai 3 anni in su.
Ogni weekend molti espositori (in totale saranno una settantina) si alterneranno a nuovi espositori per permettere al visitatore un’offerta diversificata, più numerosa, più interessante.
 
Il Natale nei palazzi barocchi l'anno scorso attrasse – si stima – tra le 30 e le 35 mila persone totali, molte provenienti da fuori regione.
«Vogliamo diventare a tutti gli effetti una città d'arte e cultura – ha detto il sindaco Claudio Soini – e in questo si inserisce il progetto del Natale nei palazzi barocchi, alla quarta edizione, che si caratterizza per l'originalità del mercatino nei palazzi.
«Abbiamo voluto che gran parte degli eventi fossero organizzati dalle nostre associazioni, dando loro lustro.»
«Il Natale di Ala non si limita al mercatino, ma va molto oltre – ha aggiunto la vicesindaca Antonella Tomasi – quest'anno l'offerta di eventi sarà ricchissima.»
 
«Il chilometro di luce rossa che collegherà i palazzi – ha spiegato il direttore artistico Riccardo Ricci – rappresenta il filo di seta e ricorda la storia di Ala. Così come il mercatino non si svolgerà nelle solite casette in legno, ma dentro i palazzi, elemento identitario della città.»
Il Natale nei palazzi barocchi si inserisce all'interno del programma dei Natali della Vallagarina dell'Apt di Rovereto e Vallagarina.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni