Home | Eventi | Natale 2021 | Ala, «Natale nei Palazzi Barocchi 2021»

Ala, «Natale nei Palazzi Barocchi 2021»

Mercatino e intrattenimento nella Città di Velluto, nei giorni 4-5-6-7-8-11-12-18-19-24 dicembre e 6 gennaio 2022

Il centro di Ala si veste per Natale: torna il «Natale nei palazzi barocchi», finalmente nella sua formula piena, con gli espositori negli androni e nelle corti, gli eventi in piazza e nelle vie, dopo l'edizione ridotta dell'anno scorso, causa pandemia e restrizioni.
La manifestazione si svolgerà nei weekend di dicembre che precedono il Natale, ad ingresso libero, con orario continuato dalle 10,00 alle 19,00, fino alle 20,30 per i prodotti eno-gastronomici.
Inaugurazione sabato 4 dicembre alle 16.30 nella centrale piazza San Giovanni, con i canti del Coro Città di Ala.
 
La manifestazione Natale nei palazzi barocchi si propone per il sesto anno come evento alternativo tra i numerosi Mercatini di Natale, una sfida del Comune di Ala che intende promuovere la città e il prezioso centro storico barocco, in linea con i programmi di valorizzazione turistica e culturale che l’Amministrazione Comunale sta sviluppando in questi anni, come la candidatura a Capitale Italiana della Cultura 2024.
Le visite ai palazzi e al Mercatino si svolgono, anche quest’anno, nel rispetto delle regole di sicurezza sanitaria in vigore. Agli ingressi del Mercatino di Natale sarà richiesto il green pass e consegnato un braccialetto di controllo.
Ala si vestirà dell’atmosfera natalizia garantendo la riconoscibilità e l’unicità dell’evento nelle diverse declinazioni di stile, architettura, manifattura e musica in relazione alla storia della città.
 
I palazzi di maggior pregio della città si apriranno ai visitatori tra le sale e gli androni.
Gli espositori del Mercatino di Natale proporranno i prodotti artigianali ed artistici con una particolare attenzione alle tradizionali attività strettamente legate alla produzione dei tessuti e della seta in particolare, che ha contribuito a rendere grande la Città di Ala.
Molti espositori si alterneranno nei fine settimana per permettere un’offerta ogni volta interessante, un motivo in più per ritornare a visitare il Mercatino di Natale di Ala e scoprire nuove opportunità per i regali.
La proposta sarà ricchissima, con molte realtà locali, aziende agricole biologiche e a chilometri zero, prodotti di alta qualità e ricercati.
 
Nei fine settimana di apertura del Natale di Ala i visitatori incontreranno artisti e musicanti di strada, potranno visitare le numerose mostre allestite nei palazzi e il percorso dedicati ai presepi. Ci saranno le ormai tradizionali visite del centro storico con guide in costume d’epoca.

Nel programma c'è anche tanta, tantissima musica, classica e della tradizione, con concerti sia in strada sia nei palazzi, in particolare nel salone di palazzo Pizzini, dove si esibì Mozart.
 
Non mancherà la buona tavola. Oltre a svariati punti ristoro nei palazzi (bevande, dolci, piatti tipici) ci saranno anche delle proposte ad hoc (i “piatti della tradizione”) in alcuni ristoranti della città. I visitatori potranno scoprire le risorse del territorio, per vocazione accogliente ed ospitale e degustare i prodotti enogastronomici del territorio locale.
Un palazzo del centro storico accoglie le cantine locali con i loro prestigiosi vini, presentati dall'associazione Euposia.
Molto spazio sarà riservati ai visitatori più piccoli, i bambini. Un palazzo sarà dedicato proprio ai bambini; ci saranno anche il trenino lillipuziano, i giri sui pony, la sfilata per Santa Lucia, tanti laboratori e si troverà anche Babbo Natale, al quale si potrà scrivere la letterina.
Tra i numerosi appuntamenti proposti anche in collaborazione con le realtà culturali e le Associazioni di volontariato di Ala, si evidenziano gli intrattenimenti dedicati ai bambini, i protagonisti del Natale e la giornata dell’Epifania.
L'estensione oltre il giorno di Natale e l'apertura anche il 6 gennaio è una novità per il Natale nei palazzi barocchi.
 
 Il Natale nei palazzi barocchi rientra nei «Natali della Vallagarina»  
«È la sesta edizione per il Natale di Ala, che va oltre i mercatini, e valorizzerà i nostri palazzi barocchi, – ha detto il sindaco Claudio Soini. – Abbiamo coinvolto le realtà cittadine, per un evento che ci riavvicinerà alla normalità dopo l'edizione ridotta del 2020.
«Il nostro Natale sarà un Natale sicuro, adotteremo tutti i sistemi e i protocolli previsti, con i punti per il controllo del green pass. Chi visiterà i palazzi e i mercatini potrà girare sicuro.
«Nel 2019 ci furono 30-40 mila presenze, e ci aspettiamo quest'anno un Natale importante.»
 
«Sarà una edizione nella quale i bambini saranno ancora più protagonisti – ha spiegato il direttore artistico Riccardo Ricci – ottima la risposta degli espositori, attualmente abbiamo oltre 50 realtà partecipanti.
«Ci sono realtà di Ala, dei dintorni, da tutto il Trentino ma anche da fuori regione.»
Per la promozione, si punterà molto sui social e ci saranno campagne mirate verso il vicino veronese.
 
Ala è anche candidata a capitale della cultura 2024, come ha ricordato Chiara Bertolini, responsabile del servizio cultura.
«Anche nel Natale ci distinguiamo, senza usare il termine mercatini nel titolo. Investiamo sui bambini, avvicinandoli alla cultura con spettacoli teatrali e concerti per loro. Dei principi che abbiamo riportato nel dossier per la candidatura a capitale della cultura.»
Presenti la deputata Vanessa Cattoi (che ha sottolineato l'importanza della manifestazione per l'economia locale), Fabrizio Spadaro del coordinamento teatrale, che gestisce l'organizzazione dell'evento.
Ala, la Città di Velluto, con il Natale nei palazzi barocchi racconterà e farà rivivere un’atmosfera d’altri tempi.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni