Home | Eventi | Trento Film Festival | Trento Film Festival: confermato il Presidente Mauro Leveghi

Trento Film Festival: confermato il Presidente Mauro Leveghi

Il Consiglio Direttivo ha rinnovato la fiducia per il prossimo triennio a Mauro Leveghi e alla Vicepresidente Nicoletta Favaron, e nominato la Commissione di Selezione

image

 
Il Consiglio Direttivo del Trento Film Festival, riunitosi oggi per la prima volta dopo la nomina da parte dell’Assemblea dei Soci, non ha perso tempo e ha subito approvato una serie di decisioni che permetteranno alla macchina organizzativa della rassegna – guidata dalla Direttrice Luana Bisesti - di proseguire con il suo lavoro, in un anno che si preannuncia impegnativo a causa delle incertezze legate all’emergenza sanitaria, ma anche ricco di spunti e sfide avvincenti.
Sono riconfermati i «vertici» del Festival, dopo tre anni di proficuo lavoro: il Presidente Mauro Leveghi e la Vicepresidente Nicoletta Favaron.
«È un grande onore poter proseguire il lavoro portato avanti in questi anni con tutta la squadra del Trento Film Festival, che oggi è stata riconfermata e che ha dimostrato, già nel 2020, di saper organizzare una manifestazione di altissimo livello anche in condizioni di grande difficoltà», dice Mauro Leveghi.
 
«Il 2021 è un anno importante, per noi: da un lato, ci mette nuovamente in gioco all’interno di un contesto segnato profondamente dalla pandemia, che ha modificato non solo il nostro modo di vivere, ma il nostro modo di interpretare il mondo e di agire in esso; dall’altro, è un anno che ci porta verso il Settantesimo anniversario del Trento Film Festival, nato nel lontano 1952. E di anniversari già quest’anno ne avremo diversi da celebrare, in occasione di questa 69. edizione: ricordo in particolare il centenario della SOSAT e il cinquantesimo anniversario della sfortunata ma eroica spedizione “Città di Trento” al Nevado Caraz. Molto spazio lo dedicheremo ovviamente, in accordo col figlio Gian e con le Guide Alpine di Madonna di Campiglio, all’indimenticabile Cesare Maestri.»
Nominata anche la Commissione di selezione per il triennio 2021/2023, tra conferme e diverse novità.
 
  Proseguiranno il loro lavoro: 
- Antonio Massena, nato a Trento e residente a L’Aquila da oltre 25 anni, in Commissione di selezione dal 2011.
Alpinista e accompagnatore di media montagna, da sempre attivo nel settore dello spettacolo, è stato uno dei fondatori negli anni Settanta del Teatro Stabile di Innovazione L’Uovo, che ha diretto fino al 2014.
- Andrea Frenguelli, nato a Perugia, fa parte della Commissione di selezione dal 2018. Laureato alla LUISS con specialistica in Scienze di Governo, ricercatore ISUC - Istituto per la storia dell’Umbria contemporanea, è un professionista nell’ambito multimediale.
- Enrico Azzano, in Commissione di selezione dal 2018. Nato a Rovereto e residente a Roma, si laurea in Storia e Critica del Cinema con una tesi su Miyazaki presso la Facoltà di Scienze Umanistiche dell’Università La Sapienza di Roma.
Autore di numerosi saggi e pubblicazioni sul mondo del cinema, da dicembre 2020 è membro del Comitato di selezione della Settimana Internazionale della Critica di Venezia.
- Gianluigi Bozza, dal 2012 è membro della Commissione di Selezione. Critico cinematografico, è stato Direttore del Trento Film Festival negli anni ’90.
Dirigente alla Cultura della Provincia Autonoma di Trento, ha fatto parte del Consiglio Direttivo del Festival dal 2009 al 2014.
 
  Tre i volti nuovi: 
- Linda Cottino, giornalista professionista, alla laurea in Storia moderna all’Università di Torino unisce un diploma in lingua e letteratura francese dell’Università di Grenoble.
Dopo anni nel giornalismo sociale e nell'editoria, ha coniugato la passione per la montagna e l’alpinismo con il mestiere di giornalista alla rivista ALP, prima come caporedattore e poi come direttore.
Collabora con la web tv italo-francese AlpChannel, e contribuisce a fondare In Movimento, il magazine dedicato all’outdoor del quotidiano «il Manifesto».
Attualmente scrive di montagna come free-lance, cura la rubrica di recensione dei libri sulla rivista mensile del Club Alpino Italiano «Montagne 360» e fa parte della giuria del Premio Itas di letteratura di montagna.
 
- Eleonora Bosco, nata a Trento e residente a Levico, si diploma nel 2014 alla Freie Universität di Berlino in Antropologia culturale e Storia dell’arte. Completa la sua formazione lo studio del Cinese mandarino presso la Yunnan University di Kumming in Cina e un master alla Leiden University in Olanda.
Dopo un’esperienza come collaboratrice alla programmazione del Festival del cortometraggio di Leiden nel 2019, dal 2019 lavora come assistente e coordinatrice del programma del Dharamshala International Film Festival in India.
 
- Miro Forti, già collaboratore del Festival, è nato e risiede a Trento.
Diplomato al Liceo Scientifico Da Vinci di Trento, si laurea in Filosofia all’Università di Bologna e ottiene un Master of Art in Film and Philosophy al King’s College di Londra, Frequenta il Corso di Alta Formazione per la valorizzazione e la divulgazione della cultura e del patrimonio audiovisivo presso la Fondazione Cineteca di Bologna.
È in possesso inoltre del Filmmaking Certificate, conseguito presso la London Film Academy.
È attualmente Insegnante di cinema presso Estroteatro – Scuola di teatro e cinema di Trento e coordinatore del cineforum del Teatro San Marco.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni