Home | Alto Adige | Protezione civile: prova d'allarme provinciale per l’Alto Adige

Protezione civile: prova d'allarme provinciale per l’Alto Adige

Alle ore 10,07 di oggi, tutte le 570 sirene sono entrate in funzione per un minuto a livello provinciale. Il test d’allarme della Protezione civile si è svolto con successo

image

Schuler, Rauch e Walcher.

La prova d’allarme odierna della Protezione Civile, tenutasi in occasione della Giornata Internazionale per la Prevenzione dei Disastri, è stata gestita direttamente dalla sede dell’Agenzia provinciale per la Protezione Civile, in viale Druso a Bolzano.
Dalle ore 9,45, la Direzione operativa si è riunita nella Centrale viabilità e le nove centrali operative distrettuali dei Vigili del fuoco volontari sono state collegate in videoconferenza.
«L'annuncio radiotelevisivo non è stato trasmesso subito dopo il suono della sirena per dare il tempo alle persone di entrare in un edificio, chiudere porte e finestre, spegnere la ventilazione e l'aria condizionata e accendere la radio e la televisione», – sottolinea il direttore dell’Ufficio per la Protezione Civile, Günther Walcher.
Dopo mezz'ora la prova si è conclusa. Oggi è stata verificata anche l'attivazione delle sirene, essendo ormai completato il passaggio alla comunicazione digitale.


Francesca Monti.

È stata inviata anche una notifica push tramite l'app Meteo.
«Eventi meteorologici gravi e situazioni di pericolo – sottolinea l’assessore competente, Arnold Schuler – sono in aumento, e con essi il rischio per la popolazione.
«Proprio per questo è importante che l'allarme funzioni e che la popolazione sappia come comportarsi in queste situazioni.»
Durante l'esercitazione, il Centro di Emergenza 112 ha ricevuto solo 49 chiamate che chiedevano il motivo della sirena d’allarme.
Questo numero contenuto suggerisce che l'informazione data in anticipo alla popolazione abbia raggiunto il proprio obiettivo.
 

 
Richiesta di attivazione dell'allarme di protezione civile solo da parte di funzionari autorizzati.  
La richiesta di attivazione dell’allarme di Protezione civile può essere fatta solo da parte di funzionari autorizzati: tutti i sindaci, in qualità di massima autorità della Protezione civile nell’ambito della loro comunità, i dirigenti dei Vigili del fuoco e, nel caso in cui siano interessati più Comuni, il presidente della Provincia.
Una volta ricevuta la richiesta di attivazione di un allarme della Protezione civile, la Centrale operativa dei Vigili del fuoco permanenti informa la Centrale provinciale d’emergenza e la Centrale viabilità.
Lì viene registrato il testo del sistema per l’informazione della popolazione (BIS). La password per l'attivazione dell'allarme di protezione civile viene consegnata dal Corpo permanente dei Vigili del fuoco alla Centrale provinciale d’emergenza.
Lì l'allarme viene attivato sul computer nell'area interessata. L’annuncio BIS viene trasmesso alle emittenti radiofoniche e televisive dal Centro viabilità e pubblicato nella Rete civica.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni