Home | Archivio | Mondiali Fiemme 2013 | Su Fiemme 2013 cala il sipario: suggestiva cerimonia di chiusura

Su Fiemme 2013 cala il sipario: suggestiva cerimonia di chiusura

I nostri complimenti al perfetto funzionamento della macchina organizzativa, i nostri ringraziamenti all’Ufficio Stampa per la puntualità e la professionalità

image

Dopo l’ultima premiazione iridata di Fiemme 2013, è calato il sipario su questi Mondiali.
La cerimonia di chiusura è iniziata con la sfilata di 55 volontari con indosso le bandiere delle nazioni partecipanti ai Mondiali, i quali hanno poi fatto da coreografia restando nel parterre, in un semicerchio che ha contenuto i momenti ufficiali alla presenza del Presidente del CO Tiziano Mellarini, il Presidente Esecutivo Pietro De Godenz e il Presidente FIS Gian Franco Kasper.
 
«È arrivato il momento di dirci arrivederci – ha esordito Kasper, che ha poi concluso con le fatidiche parole – dichiaro chiusi i Campionati.»
Il picchetto d’onore della Guardia di Finanza ha ammainato la bandiera italiana mentre nello stadio risuonava l’Inno di Mameli, cantato all’unisono dalle migliaia di tifosi italiani presenti.
Occhi lucidi sì, ma con tanta fierezza per una manifestazione che è stata semplicemente un successo.
 
Ed esempio di fair play, con «Fair Play Fiemme 2013» il riconoscimento introdotto da Panathlon International, organismo internazionale riconosciuto dal CIO, conferito a chi si distingue per un gesto di correttezza sportiva particolarmente significativo.
Il premio è stato assegnato alla squadra norvegese di salto, perché dopo essere stata declassata ieri dal secondo al quarto posto nella gara a squadre (per un aggiustamento nel punteggio) ha accettato sportivamente la decisione della giuria senza battere ciglio.
 
È stata poi ammainata la bandiera FIS, consegnata dalle mani di De Godenz a Kasper, che l’ha poi affidata a Marcus Wallenberg, presidente dei prossimi Campionati del Mondo di sci nordico di Falun 2015 (Svezia).
Fiemme 2013 ha consegnato quindi un riconoscimento speciale alla FIS «Chi scia sa volare», la splendida opera di Angelo Morucci e Mario Venturini di MV Art in Design che unisce materiali tecnologici con elementi della tradizione del territorio, come il legno di Stradivari.
L’opera, unica al mondo, collegata ad un amplificatore audio riproduce incisioni musicali da qualunque fonte sonora.
 
La cerimonia si è chiusa poi con il video di presentazione di Falun 2015 e l’uscita di scena delle «bandiere viventi».
Il sipario è calato e mentre il sole si avviava dietro le montagne incantate della Val di Fiemme gli abbracci e i sorrisi dei volontari uscivano allo scoperto, con qualche lacrima, perché sono stati anche loro protagonisti di un evento straordinario.
 
Ringraziamo i colleghi dell’Ufficio Stampa che ci ha inviato puntualmente degli splendidi servizi con ottime foto.
Peccato per le medagli azzurre che non sono arrivate, ma Fiemme 2013 resterà comunque nei cuori di tutti.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone