Home | Archivio | Natale | Natale 2014 | Il Natale sulle montagne del Friuli Venezia Giulia

Il Natale sulle montagne del Friuli Venezia Giulia

Un mix di sacro e profano, con le tradizioni nelle Botteghe artigiane e la cultura nei musei della montagna

image

Le foto archivio TurismoFVG, Pentaphoto, Luciano Gaudenzio, Loris Golin.
 
Anche nel Friuli Venezia Giulia la montagna è autentica e a Natale si rivela tra mercatini, tradizioni, artigianato, attività sulla neve e nei piccoli borghi.
Gli sciatori possono scegliere tra 6 diversi poli, incastonati tra le Dolomiti Friulane, le Alpi Carniche e le Alpi Giulie, che offrono la possibilità di praticare tutte le specialità.
I mercatini sono l'appuntamento classico per lo shopping natalizio che punta sulla tradizione. Ma forse il sistema migliore per conoscere l'artigianato locale in tutti i suoi aspetti è quello di dedicarsi alla scoperta delle botteghe sparse nei borghi di montagna grandi e piccoli.
Chi si trova in Friuli Venezia Giulia può cominciare da Tolmezzo, cuore della Carnia, e in particolare dalla Mostra permanente, che raccoglie il meglio dell'artigianato artistico e di tradizione: oggetti in ceramica, legno e vetro, bambole, tessuti, tappeti e arazzi, mobili decorati e intagliati, arte orafa, stufe in pietra e maiolica.
Per i visitatori sarà poi facile raggiungere i singoli artigiani e le loro botteghe, che producono oggetti classici ma possono anche nascondere vere e proprie sorprese, come la liuteria dove si creano viole, violini e contrabbassi o il laboratorio degli orologi antichi della Val Pesarina.
Grande spazio hanno le tradizioni locali, soprattutto quella delle maschere di legno, come a Sauris, o quella legate alle leggende del territorio che hanno fatto nascere un artigianato dedicato a orchi, folletti e fate, rappresentati con ceramica e legno o con materiali recuperati nei boschi come cortecce, pigne, piume, licheni.
Non può mancare l'offerta di tessuti, dalla lana cotta al lino, con cui si realizzano abiti e gli immancabili scarpets, le classiche scarpe di stoffa conosciute fuori dalla regione proprio con il nome di furlane.
Particolare anche l'offerta di oggetti in oro e gioielli: tra gli altri, il piccolo «gugjet» che un tempo le donne portavano alla cintola per appoggiare il ferro del lavoro a maglia. 
 

 
Nell'inverno nella montagna friulana non possono mancare le feste popolari e le tradizioni, spesso umili, ma di grande intensità, che mescolano credenze cristiane con preesistenti riti e abitudini pagani.
Già alla fine di novembre il Tarvisiano si prepara a ricevere San Nicolò, il santo che ha dato origine a Santa Klaus e quindi a Babbo Natale e la cui tradizione è ancora molto sentita in tutti i territori appartenuti all'Impero austroungarico.
Il santo si presenta ogni anno accompagnato dagli spaventosi krampus, i diavoli che sfidano i bambini del luogo in una gara di palle di neve e petardi.
Il primo appuntamento è per il 29 novembre con la grande sfilata dei krampus provenienti da Italia, Austria e Slovenia, ma altri eventi sono in programma anche per tutto il fine settimana successivo.
La Carnia, invece, predilige Santa Lucia a cui Arta Terme dedica la Messa e la Processione di sabato 13 dicembre, ma anche l'antico mercato dei prodotti tipici artigianali e agroalimentari che si tiene il giorno successivo.
Il giorno di Santo Stefano è dedicato al rito della Stella: alcuni cantori visitano le case del proprio paese portando uno stendardo a forma di stella e cantando le canzoni natalizie della tradizione locale in friulano e latino.
L'appuntamento è a Piano d'Arta e a Sauris.
A Lauco si canta anche la vigilia di Natale, giorno in cui si lanciano anche las cidulas, rotelle di legno di faggio infuocate che infiammano di luce il pendio della montagna sui ci si fanno rotolare accompagnandole con grida propiziatorie.
L'ultima festa è naturalmente l'Epifania e la protagonista è sempre una mitica figura femminile che rappresenta l'anno passato e viene quindi bruciata, un po' dovunque, nei tipici falò. 
 

 
Son piccoli i musei della montagna del Friuli Venezia Giulia, ma non si può dire che manchino di varietà.
Tra i musei etnografici o comunque dedicati alle tradizioni locali, c'è il peculiare Museo dell'arrotino a Stolvizza di Resia, dove questo mestiere è stato per secoli il più diffuso tra la popolazione maschile, costretta a lasciare il paese in cerca di lavoro, ma in realtà troppo affezionata al luogo natale per scegliere l'emigrazione permanente.
L'arrotino, con la sua bicicletta, si muoveva in tutta la regione e anche nei territori confinanti, per poi tornare al paese di quando in quando. Il museo documenta quindi non solo le tecniche del mestiere, ma anche la storia sociale del territorio.
Nasce invece dalla passione di un solo uomo la Mozartina, una straordinaria collezione in onore del grande musicista: strumenti musicali antichi e moderni, libri antichi, spartiti e inoltre oggetti d'epoca e arredi tipici carnici dal Seicento all'Ottocento.
Chi non può rinunciare all'archeologia, deve visitare il Museo archeologico di Zuglio dedicato alla storia di Iulium Carnicum e in particolare alla vita religiosa e commerciale dell'antico.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande