Home | Archeo | Galleria Civica | Galleria Civica di Arte Contemporanea di Trento

Galleria Civica di Arte Contemporanea di Trento

Gillian Wearing, Family Monument «Vince» il monumento la famiglia Giuliani

image

Ecco finalmente i nomi di chi farà da modello al monumento alla famiglia di Gillian Wearing: sarà la famiglia Giuliani. Domenica sera, nel corso di una grande serata evento, aperta a tutta la cittadinanza, i Giuliani hanno di fatto sbaragliato la «concorrenza» e hanno vinto il titolo di «famiglia tipo trentina».

La serata si inseriva all'interno del progetto speciale dell'artista Gillian Wearing, «Family Monument», in corso presso la Galleria Civica di Arte Contemporanea di Trento fino al 24 giugno 2007 e mirava ad individuare una famiglia trentina «tipo» cui dedicare un monumento in bronzo, da erigersi in uno spazio pubblico della città.
Nel corso dei mesi ben 20 sono state le famiglie che hanno aderito all'iniziativa, pubblicizzata attraverso la stampa locale, mediante l'invio di una fotografia e di una presentazione di gruppo. Ieri sera, le più aderenti allo studio statistico realizzato dal Dott. Ivano Bison, che descrive la composizione della famiglia trentina, si sono confrontate fra loro nel corso della serata finale presso il Teatro Sociale di Trento.
La serata, presentata da Patrizio Roversi, ha visto la partecipazione di alcuni ospiti di rilievo e di una giuria composta da esperti di vari settori, dall'arte alla psicologia, dalla sociologia alla religione, che hanno avuto l'arduo compito di scegliere la famiglia «modello».
L'evento è stato trasmesso in diretta sulla emittente locale TCA.

Cinque le famiglie finaliste: Callegari, Ghidoni, Giuliani, Scartezzini, Spinelli. (Vedi profili in pagina Galleria Civica)
La famiglia Giuliani è unica nella sua specie, almeno nella realtà trentina. La mamma Olimpia, 38 anni, infatti è originaria (e di dove se no?) della Grecia. Il papà Antonio, 44 anni, è invece un trentino doc: viene da Mezzocorona, a 20 km da Trento. Oggi vivono in un appartamento nel centro storico di Trento insieme ai loro due bambini, Maria Eleni di 12 anni e Leonardo di 5. Con loro c'è anche un cagnolino.
Lei è impiegata, lui è libero professionista.

La giuria che ha avuto l'arduo compito di decidere i vincitori era invece composta da Ivano Bison, Gian Marco Montesano, Don Renato Pellegrini, Alberto Pattini, Laura Strada, Chiara Del Senno.
Ivano Bison è nato a Jesolo 47 anni fa, da oltre venticinque anni vive a Trento, dove insegna alla Facoltà di Sociologia. A lui si deve lo studio statistico che definisce la "famiglia trentino tipo" su cui si basa tutto il progetto Family Monument. Ci insegna che la famiglia sta cambiando. Anche la sua: fino a poche settimane fa single convinto, ora convive con Irene.
Silvia Oddo è psicologa e psicoterapeuta, di origine argentina, da oltre vent'anni lavora a Trento occupandosi spesso di problematiche familiari. Divorziata, una figlia di venti anni, ha mantenuto un rapporto sereno con il marito: spesso infatti Silvia, marito e figlia trascorrono ancora insieme le ricorrenze principali.
Gian Marco Montesano è artista e regista teatrale, ma anche intellettuale e pensatore politico e sociale, ama Trento dove risiede almeno una metà dell'anno. Quella di origine era una famiglia di artisti, il padre infatti era attore di avanspettacolo. Quella attuale è pure una famiglia atipica. Con la moglie, un'armena che vive a Parigi, si incontra tre-quattro volte all'anno: un modo per condividere solo i momenti felici, e non trasformare la vita famigliare in una convivenza forzata.
Don Renato Pellegrini, detto don Turbo, classe 1941, ama definirsi un "badilante parroco di campagna". Predica a San Michele all'Adige, Grumo e Faedo, interpretando il suo ruolo in modo carismatico e partecipe. Da piccolo imprenditore ha gestito il restauro della chiesa e dell'oratorio di San Michele che vorrebbe ora punto di riferimento per i giovani e le famiglie del paese.
Alberto Pattini, trentino di 56 anni, è titolare di una farmacia. Da esperto di alimentazione ha seguito per anni atleti di ciclismo, fondo, discesa e calcio, ha scritto libri su argomenti nutrizionali e storici. È sposato ed ha una figlia, farmacista anche lei. Alla politica è approdato quasi per caso: consigliere delegato per lo sviluppo del centro storico fino al 2004, ora è Presidente del Consiglio Comunale di Trento.
Laura Strada, direttrice della sede regionale della Rai di Trento, due figli, è sposata con un cameraman Rai: come dire, tutta casa e lavoro. Da quando è alla direzione della Rai ha cercato di tastare il posto della gente, dando meno spazio alla politica e più alle notizie vere. Lo share le dà ragione.
Chiara Del Senno infine, 25 anni, è studentessa di Gestione dei Beni Culturali all'Università di Trento. Si sta per laureare con una tesi sulla circolazione delle opere d'arte in Europa. Figlia unica, vive con il padre e la madre. Per il futuro intende farsi una famiglia, classica, con due figli, meglio se un maschio e una femmina.

Infine gli ospiti speciali, fra cui spiccavano due famiglie numerosissime, ossia quella di Renzo Gubert e Maria Silvia Zecchini, lui ex Senatore del Centro Popolare e professore ordinario di Sociologia, lei insegnante in pensione, con ben nove figli, oppure quella di Giorgio Tonini, 47 anni, senatore Ulivo, e Angelia Goio, insegnante di tedesco al liceo, con sette fra ragazzi e ragazze.
Sempre fra gli ospiti di spicco, la parlamentare per l'Ulivo Laura Froner (anche ex sindaco di Borgo Valsugana), laureata in lingue e letteratura straniere, ed Elisabetta Bertotti, trentina, 40 anni, ex Parlamentare, che con Fabrizio Franchi, 45 anni, Presidente dell'Ordine dei Giornalisti del Trentino Alto-Adige ha costituito una famiglia di impostazione "diversa" da quella tradizionale, ossia non fondata sul matrimonio. Anche se non ufficializzato attraverso un legame scritto, questo nucleo famigliare, costituito anche da due figli, ritiene di costituire a pieno diritto e a tutti gli effetti una reale "famiglia".
Ad allietare la serata con le sue battute ed il suo umorismo, infine, il comico locale Lucio Gardin, autore televisivo per vari programmi, tra cui Striscia la Notizia, e vincitore di numerosi premi di rilievo nazionale.

Non resta ora che aspettare il posizionamento del monumento, che avverrà presumibilmente nell'autunno di quest'anno, in Piazza Dante a Trento.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone