Home | Pagine di storia | 1ª Guerra Mondiale | Celebrate a Bolzano le cerimonie in ricordo dei Caduti

Celebrate a Bolzano le cerimonie in ricordo dei Caduti

Nel giorno dedicato ai Defunti si è reso omaggio a coloro che hanno sacrificato la vita per servire il proprio Paese – E ci si è accorti che c’erano prigionieri russi...

image

>
Bolzano, 2 novembre 2014. Onori a tutti i Caduti nell’adempimento del proprio dovere, indipendentemente dalla divisa indossata e dalla bandiera che servivano. Questo il significato delle cerimonie cittadine celebrate questa mattina in piazza Municipio e al cimitero militare di San Giacomo dove, nell’anno del centesimo anniversario dello scoppio della prima Guerra Mondiale, la presenza di Alpini e Schützen, frutto della collaborazione tra Comando Truppe Alpine e Associazione austriaca Schwarzes Kreuz, ha conferito alla celebrazione un particolare significato e sottolineato la condivisione dei valori comuni a tutti i soldati di montagna.
Alla deposizione delle corone è seguita, presso la Cappella del Comprensorio militare Druso, una Santa Messa officiata dal Cappellano militare Don Lorenzo Cottali a cui, oltre alle Autorità civili e militari e ai rappresentanti delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, hanno preso parte numerosi cittadini.
 

 
Desideriamo far presente come per la prima volta si è fatta memoria dei prigionieri russi che sono morti in Alto Adige.
Ne sono morti ancora di più in Trentino, dove erano costretti a lavorare come operai senza paga e, va ricordato con vergogna, senza mangiare.
I russi deportati al lavoro e poi riportati ai loro dormitori, mendicavano alla gente trentina che li guardava come se fossero animali esotici  «pane per pietà».
Sappiamo che i Trentini non ne avevano abbastanza neanche per sé, ma sappiamo anche che qualcuno comunque il poco che avevano lo hanno condiviso.
I soldati russi erano considerati già allora untermenschen, cioè sottospecie di uomini. E questo anche dai loro stessi governanti che li avevano mandati a combattere.
La pietà si è fatta viva solo oggi, a cento anni dalla loro tragedia.
E, francamente, non ce la sentiamo di dire meglio tardi che mai.
 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone