Home | Pagine di storia | 1ª Guerra Mondiale | «Corpi disarmati: sopravvivere alla guerra»

«Corpi disarmati: sopravvivere alla guerra»

A Brentonico un’altra mostra in occasione del Centenario della Grande Guerra

Sarà inaugurata venerdì 31 luglio alle 18.00, nelle sale di Palazzo Eccheli-Baisi di Brentonico, l’esposizione «Corpi disarmati: sopravvivere alla guerra», realizzata dalla Fondazione Museo storico del Trentino in collaborazione il Comune di Brentonico e il Servizio attività culturali della Provincia autonoma di Trento.
La mostra, curata da Mara Dissegna, Rodolfo Taiani ed Emanuele Togni, rimarrà aperta al pubblico fino al 30 giugno 2016.

Disarmati, nutriti, spronati, sospesi nell'attesa, feriti, sospesi nella speranza, maneggiati, riparati, umiliati, e sopravvissuti: sono questi i termini concettuali intorno ai quali ruota la mostra «Corpi disarmati: sopravvivere alla guerra» nel tentativo di aprire lo sguardo dei visitatori alle condizioni psico-fisiche vissute durante la prima guerra mondiale da milioni di combattenti, dentro e oltre le fasi del conflitto e senza particolari sottolineature circa l'appartenenza a uno schieramento nazionale piuttosto che a un altro.
 
Un itinerario espositivo pensato e realizzato per mettere a nudo le storture e gli orrori della guerra, affidandone la narrazione a oggetti, ma soprattutto a immagini: gli uni messi a disposizione da numerosi soggetti (fra i quali la Croce Rossa austriaca e quella italiana), ma in particolare da alcuni collezionisti privati di Brentonico, a testimonianza di quanto la memoria della Grande Guerra abbia esercitato e continui a esercitare anche in piccoli lembi di territorio una straordinaria influenza sulla percezione e la rappresentazione del secolo scorso; le altre selezionate perlopiù fra il materiale raccolto presso la Fondazione Museo storico del Trentino grazie alle donazioni e agli approfondimenti di ricerca che si sono susseguiti nel corso degli anni.
 
Visitando la mostra si potrà cogliere appieno il senso più intimo della poesia di Gustav Heinse (1896-1971) con la quale si è scelto di rilanciare all'anno prossimo la prosecuzione dell'esposizione stessa.
Nel nuovo appuntamento del 2016 (Corpi disarmati: ritornare dalla guerra – luogo e data da definire) si guarderà ai tanti mutilati nel corpo e nella psiche, altrettanti sopravvissuti al terribile naufragio dell'umanità sulle secche del progresso, che fecero ritorno alle proprie case al termine della guerra.

Io appartengo alla generazione dei «sopravvissuti»,
il cui cervello
è gravato dall'orrore, messo da parte a forza,
incapsulato in un guscio speciale,
che il sogno –
o nuovo orrore!
a volte sventrò.
Poi trabocca,
si allarga,
mi sopraffà… orrore, orrore, orrore.
Sii benedetta, o luce!
che mandi in frantumi il sogno.
 
(Gustav Heinse, «Il monte in fiamme: ai morti del San Michele e di San Martino del Carso 1915/1916». A cura di Paola Maria Filippi. Ferrara: Kolibris, 2013: 48-49).

Venerdì 31 luglio alle 18, all’apertura ufficiale di questo nuovo percorso espositivo, assieme ai curatori interverranno Christian Perenzoni, sindaco del Comune di Brentonico, Quinto Canali, assessore alla cultura del Comune di Brentonico, Giuseppe Ferrandi, direttore della Fondazione Museo storico del Trentino, Maria Grazia Baccolo, Croce Rossa Italiana, Heinz Tumpach, Croce Rossa Austriaca. Un intermezzo musicale con l'armonica a bocca sarà affidato a Gabriele Girardelli.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone