Home | Pagine di storia | 1ª Guerra Mondiale | «Destino A22 è legato a quello del porto di Amburgo»

«Destino A22 è legato a quello del porto di Amburgo»

Lo dice a Condino l'On. Alfreider (SVP)al convegno «Monte Melino»

Il destino dell’Autostrada del Brennero è incredibilmente legato a filo doppio a quello del porto di Amburgo e, contrariamente a quanto si possa ipotizzare, ciò non dipende assolutamente da un possibile futuro sviluppo dei traffici terrestri e marittimi, ma più semplicemente alla capacità di fare Lobby in seno all’Unione Europea da parte dei tedeschi che non volendo appaltare la gestione dei porto di Amburgo, il maggiore della Germania, hanno fatto in modo di cambiare le regole Comunitarie.
La notizia è stata resa nota dal deputato e vicesegretario della Svp Daniel Alfreider al Convegno Il futuro delle Terre Alpine, promosso a Condino nell’ambito dell’evento «100 anni Dalla Grande Guerra - La Contesa del Monte Melino», con la presenza anche dell’assessore provinciale Carlo Daldoss, del prof. Geremia Gios, del vicepresidente Bim Chiese ing. Luca Mezzi e del sen. Ivo Tarolli.
Il paradosso è servito all’esponente politico altoatesino per ribadire l’importanza di dare vita a una Macroregione Alpina non solo come occasione di tutela delle realtà che vi abitano ma anche come opportunità di poter incidere concretamente sulle politiche della Comunità Europea.
 
«Dobbiamo anche noi fare squadre e portare i centri decisionali più vicini al territori, – ha concluso Alfreider che ha poi spiegato in dettaglio la vicenda A22 – Porto di Amburgo. – Oggi siamo rappresentati in seno all’Ue ma non abbiamo la possibilità di incidere sulle decisioni. Solo con azioni di squadre e di Lobby è possibile farlo.»
«Negli ultimi dieci anni l’Unione europea ci ha ripetutamente detto che quanto era appaltato al pubblico rappresentava un fallimento, – ha detto il parlamentare Svp. – Certamente serviva un cambio di tendenza ma la gestione A22 non si poteva definire fallimentare.
«Vanamente cercato di far capire all’Ue che l’Autostrada del Brennero è si una arteria europea ma pesa sulla vita delle nostre terre, che 70.000 veicoli in transito al giorno incidono sulla nostra vita.
«Poi lo scorso anno il cambio di tendenza e la modifica della normativa sulle concessioni, con l’apertura alle società pubbliche. Come mai? È la domanda spontanea: semplice era in scadenza la concessione del Porto di Amburgo, il principale della Germania, e i tedeschi non volevano un appalto.
«Con una azione di lobby è stata cambiata la normativa e oggi dopo dieci anni siamo vicini al traguardo del rinnovo della concessione A22.
«Il destino dell’A22 è legato alla possibilità di dare vita ad una società in House – ha concluso Alfreider – esattamente come ad Amburgo, con una proposta rifiutata negli ultimi dieci anni dalla Comunità Europea. E oggi, dopo dieci anni, siamo vicini al traguardo del rinnovo della concessione A22.»
 
E sul tema del Futuro delle Terre Alpine è intervenuto l’assessore Daldoss che ho posto l’accento su due temi: banda larga come occasione per garantire una alta qualità della vita a chi vive nelle periferie e certezza dei servizi di assistenza.
E qui l’assessore ha approfondito il tema dell’assistenza sanitaria.
«Non credo che il problema sia andare a Trento o a Verona una volta ogni due anni per fare una mammografia – ha detto l’assessore – quanto quello di garantire alti standard qualitativi per tutti quei servizi ripetitivi quotidiani per gli anziani o che garantiscono la vita, come le piazzole per gli elicotteri che oggi permettono interventi anche di notte.
«Non servono rivendicazioni di principio - ha proseguito Daldoss – ma analisi serie per individuare cosa serve realmente. Diversamente che vive in montagna i servizi dovrà cercarli in valle o in città. Bisogna quindi individuare modalità organizzative e operative per mantenere sul territorio servizi efficienti, soprattutto quelli legati alla sanità.»
L’assessore ha quindi ricordato la legge urbanistica.
«Punta al risparmio del territorio – ha detto – e sulla valorizzazione del patrimonio edilizio preesistente e può certamente rappresentare un fattore di attrazione del territorio sia dal punto di vista turistico sia della qualità della vita.»
Ma se negli scorsi decenni la qualità della vita in montagna era legata alle strade, agli acquedotti e alle linee elettriche, oggi la nuova frontiere è rappresentata dalla banda larga.
«Il progetto è di portare i collegamenti a 30MB in tutte le case a 100Mb nelle aziende, – ha chiarito Daldoss. – Abbiamo reti di fibra ottica posata ma non sempre utilizzata perché manca la connessione finale: di qui gli incentivi introdotti dalla giunta provinciale sotto forma di crediti d’imposta per favorire la connessione delle aziende alla rete provinciale. L’obiettivo è di completare questo progetto in tre - quattro anni.»
 
E l’esempio di cosa significhi la connessione veloce la portata il prof. Geremia Gios.
«In Vallarsa abbiamo una coppia che realizza cartoni animati per una televisione giapponese – ha spiegato – senza la connessione veloce non potrebbero lavorare e rimanere a vivere sul territorio.»
L’evento 100 anni Dalla Grande Guerra – La Contesa del Monte Melino, prevede per venerdì 11 la Lectio Magistralis: Europa 2.0 al Teatro Sociale a Trento con la presenza dell’ex Governatore della Banca d’Italia Antonio Fazio (al primo intervento pubblico post incarico), del presidente della Federazione Trentina della Casse Rurali Giorgio Fracalossi e del presidente della Camera di Commercio di Bolzano Michael Ebner.
I Fanti saranno poi i protagonisti il prossimo 13 settembre a Castel Condino del Raduno Interregionale del Fanti dedicati alla Brigata dei Lupi di Toscana con la presenza tra gli altri, del vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri, del presidente nazionale Anf Antonio Beretta, del medagliere (il più decorato d’Italia) con 650 medaglie d’oro al valor militare.
Sono attese le rappresentanze Anf di Trentino, Veneto, Friuli Venezia Giulia e di altre regioni del Nord Italia, per un totale di oltre 1.500 persone.
La realtà militare del fanti raggruppa Bersaglieri, Granatieri, lagunari, Paracadutisti e anche il Corpo degli Alpini.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone