Home | Pagine di storia | 1ª Guerra Mondiale | Ricordati ad Amras i caduti di tutte le guerre

Ricordati ad Amras i caduti di tutte le guerre

Panizza: «Dobbiamo costruire relazioni e recuperare i legami storici e di pace»

image

>
Ad Amras ricordati i caduti di tutte le guerre. Come tutti gli anni, il cimitero internazionale di guerra di Amras, ad Innsbruck, ha accolto la tradizionale manifestazione commemorativa in ricordo dei caduti di tutte le guerre organizzata dalla Croce Nera Austriaca.
Erano presenti numerose delegazioni militari, ex combattentistiche e dell’associazionismo civile, compagnie d’onore degli eserciti austriaco, italiano, tedesco, ucraino, russo e della Repubblica Ceca, Kaiserjäger con la loro banda, Kaiserschützen, Standschützen e Schützen, Alpini, associazioni di reduci, studiosi e amici del sodalizio austriaco, impegnati nella conservazione della memoria dei caduti.
 
Presenti anche alcune rappresentanze diplomatiche, parlamentari austriaci ed il Presidente della Dieta tirolese Herwig van Staa.
Il senatore Franco Panizza è intervenuto a margine della manifestazione per sottolineare l’importanza della memoria.
«Tra nazioni che si sono contrapposte in guerra, oggi [ieri – NdR] siamo in questo luogo per portare avanti quel percorso di collaborazione che ci sta facendo vivere da oltre 60 anni in pace.
«Dobbiamo fare in modo di costruire relazioni e di recuperare i legami storici fra le nostre diverse comunità per proseguire sempre più convinti in questo progetto di pace fra i popoli.»
 
Il senatore trentino, assieme al presidente della dieta tirolese Van Staa e ad una delegazione del Circolo Michael Gaismayr di Trento, si è infine soffermato sul monumento eretto, su iniziativa del Circolo stesso, in memoria dei caduti trentini della Grande Guerra, combattenti sotto l’esercito austro-ungarico.
Qui Panizza ha voluto rivolgere un pensiero particolare ai quasi 12000 caduti trentini.
«Questo monumento testimonia la sofferenza della comunità trentina in quel drammatico periodo. È importante conoscere la storia e i suoi messaggi, primo fra tutti l’importanza di stare insieme e imparare a convivere.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone