Home | Pagine di storia | 1ª Guerra Mondiale | Nuovo spettacolo nell'ambito di «Sentinelle di pietra»

Nuovo spettacolo nell'ambito di «Sentinelle di pietra»

«Le voci del lamento» andrà in scena a Forte Strino e a Forte Corno nei giorni 14 e 15 luglio

image

>
Inaugura la rassegna «Sentinelle di pietra» lo spettacolo «Le voci del lamento» prodotto appositamente per questa occasione dal Teatro Nuovo di Verona – Fondazione Atlantide.
Il regista dello spettacolo è Paolo Valerio, direttore del Teatro Nuovo, che ha realizzato importanti lavori allestiti presso il Teatro Romano di Verona e nei più importanti teatri nazionali.
«Le voci del lamento» è liberamente ispirato al racconto La paura di Federico De Roberto e racconta la trincea, la paura che cresce tra i soldati e che contagia tutti; racconta di questi soldati uccisi uno ad uno quasi come vittime sacrificali dai cecchini nemici, mentre tentano di raggiungere un posto di vedetta; racconta infine di un suicidio finale di protesta, che è un potente atto d’accusa contro l’assurdità e l’inutilità della guerra e di tutte le guerre.
De Roberto, che pure non partecipò in prima persona alla guerra, descrive con realismo la vita nelle trincee, con una lingua dura, in cui si mescolano l’italiano e dialetti di tutta la penisola, come a dare un messaggio ancor più universale e che coinvolge tutti.
 
Scrive Federico De Roberto nel suo racconto del 1921:
Nell'orrore della guerra l'orrore della natura.
Non una macchia d'albero, non un filo d'erba
tranne che nel fondo delle vallate: lassù un caotico cumulo di rupi e di sassi, l'ossatura della terra messa a nudo, scarnificata, dislogata e rotta…
 

 
Attore protagonista dello spettacolo è Marco Morellini, che ha collaborato con alcuni tra i maggiori teatri nazionali (Piccolo Teatro di Milano, Teatro stabile dell’Aquila, Teatro stabile di Bolzano,Teatro stabile dell’Umbria, Compagnia Annamaria Guarnieri, Compagnia Leo de Berardinis, Gruppo della Rocca, Compagnia i Fratellini, Teatro Libero di Palermo, CSS di Udine, AssembleaTeatro, Teatro delle Moline) e ha lavorato con importanti registi (Aldo Trionfo, Maurizio Scaparro, Walter Pagliaro, Leo de Berardinis, Marco Bernardi, Cesare Lievi, Egisto Marcucci, Giorgio Barberio Corsetti).
In scena ci saranno inoltre Oscar Bettini, Matteo Campagnol, Lucas Joaquin Da Tos, Tommaso Fermariello, Sebastien Halnaut, Marlon Zighi Orbi, Michele Paoli.
I costumi sono di Chiara Defant.
 
- Lo spettacolo debutta il 14 luglio ore 21 a Forte Strino – Vermiglio.
- Replicherà il 15 luglio ad ore 21 a Forte Corno in Valdaone.
(possibilità di salita con auto propria fino alla località Bedoe dalle ore 19 oppure salita e rientro con bus navetta (ritrovo in piazza a Praso) con salita dalle 19 e rientro dalle 22.30).
In caso di maltempo lo spettacolo si terrà presso il Teatro comunale di Bersone (Valdaone).
- E infine l'ultima replica il 21 luglio ore 17 a Forte Campo – Luserna.
In caso di maltempo si terrà presso la sala polivalente.
«Josef Bacher» a Luserna.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone