Home | Pagine di storia | 1ª Guerra Mondiale | Corpi disarmati: la meccanica della normalitá

Corpi disarmati: la meccanica della normalitá

A Brentonico una nuova mostra in occasione del Centenario della Grande Guerra

Sarà aperta ufficialmente sabato 6 agosto alle 18.00, nelle sale di Palazzo Eccheli-Baisi di Brentonico, l’esposizione «Corpi disarmati: la meccanica della normalità», realizzata dalla Fondazione Museo storico del Trentino in collaborazione con il Comune di Brentonico, il Servizio attività culturali della Provincia autonoma di Trento e l’Istituto Luce-Cinecittà di Roma.
La mostra, curata da Mara Dissegna, Rodolfo Taiani ed Emanuele Togni, affronta il tema dei tanti reduci che fecero ritorno alle proprie case al termine della prima guerra mondiale menomati nel corpo e nello spirito. Sarà visitabile fino al 2 luglio 2017.
Al termine del primo conflitto mondiale tutte le nazioni coinvolte si trovarono ad affrontare la questione del reinserimento sociale dei reduci.
Fra questi numerosi erano coloro che avevano riportato menomazioni di tipo psicofisico più o meno gravi: tanti «corpi disarmati» da recuperare a una condizione di nuova «normalità» poiché vittime di varie mutilazioni o differenti scompensi funzionali.
 
Un problema di dimensioni enormi che confidava per la sua risoluzione sulla ricerca medico-scientifica, sul coinvolgimento attivo di ampi settori della società civile e sull’iniziativa politico-istituzionale.
Le risposte furono così affidate alla progettazione di protesi sempre più complesse, all’organizzazione di speciali corsi professionali riabilitativi e, non ultimo, alla costruzione di un’immagine pubblica del mutilato come personificazione dell’abnegazione e dell’eroismo combattenti.
Non tutti beneficiarono, però, di queste attenzioni: vi furono i reietti, persone segnate permanentemente dall’esperienza bellica e pertanto sospinte ai margini della società, condannate alla solitudine.
È il caso, ad esempio, di coloro «deturpati» da orrende ferite al volto o dalla perdita dell’equilibrio mentale o di importanti facoltà quali la vista, l’udito, la parola.
 
Riarmati, rieducati, reinseriti, rifiutati: sono queste le quattro sezioni lungo le quali si articola il percorso intitolato La meccanica della normalità che per mezzo di fotografie, filmati e oggetti, si collega e prosegue, non solo idealmente, la precedente esposizione sul tema Sopravvivere alla guerra.
Questo nuovo percorso espositivo sarà aperto ufficialmente sabato 6 agosto alle 18.00 a Palazzo Eccheli-Baisi di Brentonico.
Assieme ai curatori Mara Dissegna, Rodolfo Taiani ed Emanuele Togni, interverranno Christian Perenzoni, sindaco del Comune di Brentonico e Quinto Canali, assessore alla cultura del Comune di Brentonico.
La serata sarà allietata dallo spettacolo musicale «Che se 'ngropa le bandiere».
Il coro Anthea accompagnato da Attilio Amitrano alla fisarmonica e da Vittorio Passerini al violino, con arrangiamenti e direzione di Quinto Canali, eseguirà alcune canzoni della tradizione orale e d’autore che costituiranno la colonna sonora e il commento della proiezione di filmati originali della Grande Guerra, scelti e montati per la Fondazione Museo storico del Trentino da Lorenzo Pevarello.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone