Home | Pagine di storia | 1ª Guerra Mondiale | «1917, anno della crisi. Aspetti militari, economico-sociali, nazionali»

«1917, anno della crisi. Aspetti militari, economico-sociali, nazionali»

Venerdì 5 maggio a Fortezza, in Alto Adige/Sudtirol una giornata internazionale di studio sulla Prima Guerra Mondiale

Venerdì 5 maggio, dalle 8.45 alle 17.30 si svolgerà al Forte di Fortezza, in Alto Adige/Sudtirol, un convegno sulla prima guerra mondiale: «1917. L’anno della crisi. Aspetti militari, economico-sociali, nazionali» al quale parteciperanno studiosi italiani, austriaci, polacchi, cechi e ungheresi.
La giornata di studio è organizzata dal Museo della Guerra di Rovereto, dal Tiroler Geschichtsverein, dall’Archivio provinciale di Bolzano e dai musei provinciali di Castel Tirolo e del Forte di Fortezza.

«I due anni e mezzo di guerra, tra l’agosto 1914 e la fine del 1916 – sottolinea Camillo Zadra, direttore del Museo della Guerra di Rovereto - misero alle corde i Paesi europei coinvolti nel conflitto. Tranne che sul fronte orientale e su quello balcanico, dove le armate tedesche e, più a fatica, quelle austro-ungariche avevano costretto gli eserciti russo e serbo sulla difensiva o alla resa, le battaglie sul fronte occidentale e italo-austriaco, condotte nella certezza della irresistibilità dello spirito offensivo sorretto da un adeguato armamento, si erano rivelate un sostanziale fallimento. 
«Nel 1917 le perdite di uomini e materiali erano state una vera emorragia, la militarizzazione della produzione e - per gli Imperi centrali - il blocco commerciale, avevano provato all’estremo le società; l’esercito di Vienna mostrava crepe sempre più profonde nella sua funzione di baluardo dell’unità sovranazionale mentre crescevano nella società austro-ungarica le spinte a svincolarsi dal nesso imperiale, spezzato simbolicamente dalla morte dell’anziano imperatore Francesco Giuseppe avvenuta nel novembre 1916.»

«Alla fine del 1917 – prosegue il direttore – molte cose stavano cambiando: sul piano militare vennero messe in campo nuove forme di combattimento, l’armamento si arricchì di nuovi materiali, su quello politico la rivoluzione russa diede nuovo respiro alla mobilitazione sociale e alle manifestazioni contro la guerra. La crisi assunse forme differenti nei diversi Paesi europei (Russia, Francia, Italia) giungendo, tra la fine del 1917 e quella del 1918, al suo drammatico compimento con la sconfitta delle potenze centrali e la dissoluzione dell’Austria-Ungheria.»

Dopo gli indirizzi di saluto, la giornata si articolerà in tre sezioni: «Crisi ed evoluzione delle tattiche militari»; «La crisi economico-sociale»; «La crisi etnico-nazionale nell’esercito e nella società».

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone