Home | Pagine di storia | 1ª Guerra Mondiale | Inaugurazione della mostra «ferro, fuoco e sangue!»

Inaugurazione della mostra «ferro, fuoco e sangue!»

Al convegno «La cultura visiva e il centenario del primo conflitto mondiale»

Sarà inaugurata a Trento venerdì 18 maggio alle ore 19.00, presso Le Gallerie a Piedicastello, la mostra «Ferro, fuoco e sangue! Vivere la Grande Guerra», curata da Mauro Passarin, direttore del Museo del Risorgimento e della Resistenza di Vicenza.
Un percorso che, attraverso le fotografie di Giuliano Francesconi, ci parla di paura, di fango, di fame, di sete, di freddo.
L'esposizione sarà visitabile fino al 6 gennaio 2019.
 
Dopo l'allestimento a Palazzo Chiericati di Vicenza, arriva ora alle Gallerie una mostra di emozioni, di verità, che fanno realmente «vivere la Grande Guerra», trasformando una «epopea», conosciuta dai più solo attraverso i libri di storia, in quello che la guerra in realtà fu «ferro, fuoco e sangue».
Attraverso le fotografie di Giuliano Francesconi e il progetto espositivo di Mauro Zocchetta, la mostra ci parla degli orrori vissuti da milioni di uomini scaraventati in prima linea a scoprire un mondo severo e ignoto.
I materiali, tutti frammenti di oggetti utilizzati durante il primo conflitto mondiale e raccolti sulle montagne vicentine, sono restituiti dal fotografo Giuliano Francesconi al contemporaneo con straordinaria sensibilità, con un’armonia e una bellezza che induce a meditazioni e a riflessioni profonde sugli errori-orrori della guerra.
 
Come ci ricorda il curatore della mostra Mauro Passarin «dopo lo scontro, i luoghi dove si era combattuto apparivano come quadri apocalittici.
«Ogni forma di vita vegetale e animale era distrutta, il senso della morte era totale e la desolazione delle cose poteva dare l’immagine di un pianeta vulcanico senza più possibilità di vita.
«Per la prima volta nella sua storia, l’uomo era riuscito a riprodurre la forza devastante delle catastrofi naturali. E questo avveniva con aspetti di sorprendente modernità».
 
Ecco allora apparire in mostra, a grandissime dimensioni, maschere antigas, matasse di reticolati, spuntoni, tubi esplosi dalla nitroglicerina, un cucchiaio formato da un proiettile, pinze per tagliare i reticolati, gli occhialini contro il riverbero della neve, vecchie suole di scarponi, baionette, elmetti deformati, una fila di piccole bottiglie che il fuoco nemico non ha rotto ma piegato: oggetti qualunque e immagini che trascinano il visitatore in un mondo altro, popolato di potenti, terribili «fantasmi» di ferro e fuoco.
L'esposizione, visitabile fino al 6 gennaio 2019, viene inaugurata alle Gallerie venerdì 18 maggio alle 19.00, al termine della tavola rotonda dedicata a «Le televisioni europee e il Centenario della Grande Guerra» che conclude la seconda giornata del convegno internazionale «Rewinding the Great War. La cultura visiva e il centenario del primo conflitto mondiale».

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni