Home | Pagine di storia | 1ª Guerra Mondiale | Tumulati i resti di due militi ignoti austro-ungarici

Tumulati i resti di due militi ignoti austro-ungarici

«Note di Pace» a Bondo per ricordare tutti i caduti di tutte le guerre

image

>
Si è tenuta oggi a Bondo la terza e ultima giornata della manifestazione «Note di Pace», organizzata dal Comune di Sella Giudicarie, in collaborazione con la Croce nera austriaca e il Consorzio turistico Valle del Chiese.
Una tre giorni di eventi in ricordo della fine della Prima guerra mondiale con la straordinaria partecipazione di cinque bande: la Banda sociale di Roncone, la Burgermusik di Bezau, Austria, la Bohmische Judicarien, il Corpo bandistico di Vobarno e la Sumeg, corpo bandistico ungherese.
Questa giornata conclusiva è stata caratterizzata dalla S. Messa commemorativa che ha seguito la sfilata per le vie del paese ed un momento solenne con la benedizione delle corone e della targa con deposizione delle stesse al Monumento ai Caduti e la tumulazione di due urne contenenti i resti dei due caduti austro-ungarici ignoti, rinvenuti da un escursionista il 14 settembre 2016 in località Crozon di Lares nel comune di Spiazzo Rendena.
 

 
«Queste commemorazioni - ha detto il presidente della Provincia autonoma di Trento Ugo Rossi, presente alla cerimonia – contribuiscono con il loro valore profondo di memoria, tutela delle radici, consolidamento di rapporti fra popoli a rafforzare la nostra Autonomia e quel progetto che oggi più che mai sembra essere in pericolo, della costruzione di un'Europa Unita.»
Nel suo intervento il presidente ha parlato del valore di «umanità» e «pietà cristiana» per il sacrificio di tutti i caduti ed ha ricordato l’importante appuntamento del 14 ottobre, data nella quale è stata istituita la prima la Giornata per ricordare le vittime e i caduti trentini della Grande Guerra.
«Il sentimento con cui si pensa a momenti come questo – ha detto il presidente Rossi – è un sentimento di “risarcimento” per il sacrificio di questi esseri umani nell'ottica di rimediare a un torto del passato e di "costruire una cultura di pace.»
 

 
La Provincia di Trento ha avuto un ruolo determinante nell'organizzazione della manifestazione «Note di Pace».
I ringraziamenti del presidente Rossi sono stati quindi dedicati a tutti coloro che si sono spesi per un momento così significativo, tra i quali la Croce Nera austriaca, fondata nel 1919 con lo scopo di mantenere viva la memoria dei militari caduti nei conflitti mondiali e che ha stretto un legame particolare con il comune di Sella Giudicarie, ma anche a tutte le associazioni del territorio coinvolte, associazioni di volontariato che sono un pilastro imprescindibile della vita e dello sviluppo del nostro territorio.
«La Provincia, inoltre, con la sua Soprintendenza per i Beni Culturali, ha contribuito al recente ripristino del cimitero austroungarico di Bondo, nello specifico, nel supporto della ristrutturazione di alcuni elementi architettonici.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone