Home | Pagine di storia | 150° Unità d'Italia | Verso il 150° anniversario dell'Unità d'Italia/ 2

Verso il 150° anniversario dell'Unità d'Italia/ 2

Trento dedicherà la «Notte tricolore» i 150 anni dell'Unità d'Italia

Il Commissario del Governo, prefetto Francesco Squarcina, ha indetto oggi una conferenza stampa per consentire alle Istituzioni e alle Associazioni culturali di esprimere ciò che intendono proporre per le festività del 17 marzo, quando il paese festeggerà il 150° anniversario dell'Unità d'Italia.
Ne parleremo a lungo, oggi cominciamo dalle iniziative che l'Amministrazione Comunale di Trento ha deciso di mettere in cantiere. Non sono poche.
_____________________________________________________________________

Il 17 marzo del 1861 nacque il regno d'Italia
Quello stesso giorno il Parlamento proclamò Vittorio Emanuele II di Savoia primo re d'Italia (mantenendo quel «II», a conferma della continuità dei Savoia).
A distanza di cento e cinquant'anni, quell'evento sarà ricordato anche a Trento con solenni manifestazioni ufficiali e innumerevoli iniziative culturali.

L'obiettivo è quello di riscoprire le ragioni di quell'Unità nazionale che, nel primo Ottocento, diventò non solo un ideale politico ma anche un'aspirazione che permeò tutta la cultura dell'epoca.

La libertà dei popoli, la difesa dei diritti individuali, l'importanza della storia e dei valori spirituali sono le eredità del Risorgimento che questo cento e cinquantesimo anniversario dà la possibilità di riscoprire.

La notte tricolore
Uno dei primi appuntamenti in programma è la «Notte tricolore» che, il 16 marzo prossimo, coinvolgerà i musei e i palazzi simbolo della città, tutti aperti fino alle ore 22.

Nella sala Falconetto di Palazzo Geremia, alle 20.30, ci sarà un recital, a cura del Club Armonia, per voci narranti e pianoforte: si tratta di «1861: per grazia di Dio e volontà della Nazione» di Renzo Fracalossi.

Al Castello del Buonconsiglio, oltre alle visite guidate, ci saranno gli incontri musicali con I Minipolifonici.

Musica anche al Museo diocesano (a cura del Conservatorio Bonporti) e al Museo Tridentino di Scienze naturali (a cura della scuola musicale Il Diapason), mentre al teatro sociale è previsto uno spettacolo di danza a cura dell'associazione Amici della danza.

Al Sociale e al vicino spazio archeologico Al Sass sono in programma anche visite guidate. Rimarrà aperta inoltre l'enoteca del Palazzo Roccabruna.

Cerimonia ufficiale in piazza Dante
Conclusa la maratona della notte tricolore, il 17 marzo alle 11 ci sarà la cerimonia ufficiale all'ombra del monumento a Dante Alighieri.
La statua fu inaugurata nel 1896, dunque sotto il dominio austriaco, proprio per testimoniare l'italianità di Trento.

Inserito nei «Luoghi della memoria» di questo cento e cinquantesimo anniversario, il monumento, opera dello scultore fiorentino Cesare Zocchi, sarà presto sottoposto ad alcuni interventi di manutenzione e consolidamento grazie a un finanziamento statale.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande