Home | Pagine di storia | 150° Unità d'Italia | In Piazza Dante gli interventi per i 150 anni dell’Unità d’Italia

In Piazza Dante gli interventi per i 150 anni dell’Unità d’Italia

Pioveva, come all'inaugurazione del momumento, nel 1896 Hanno parlato Squarcina, Pacher e il sindaco Andreatta

image

Dopo 65 anni di purgatorio, si può finalmente parlare di Patria, Bandiera, Inno di Mameli, senza passare da fanatici, per la semplice ragione che abbiamo scontato l'overdose di nazionalismo nutrita dal Fascismo.
Nessuno stamattina in Piazza Dante ha parlato così chiaramente, ma tutti intendevano dire questo. L'emozione era quella della fine di un incubo.
Siamo liberi, liberi di appartenere a questo Paese e di esserne fieri.

Qualche centinaio di persone ha presenziato alla cerimonia, nonostante la pioggia battente, nel corso della quale hanno preso la parola il Commissario del Governo Francesco Squarcina, il vice presidente della Provincia Alberto Pacher e il sindaco Alessandro Andreatta.

Anche nel 1896, quando venne inaugurato il monumento a Dante, pioveva. Erano migliaia gli ombrelli aperti, come dimostrano le foto storiche di allora.
Stesse anche le emozioni, di gente che ascoltava le parole dei propri amministratori, i quali hanno avuto buon gioco a ricordare come sia stato possibile ottenere la nostra preziosa Autonomia solo grazie al fatto che apparteniamo allo Stato Italiano.

«Autonomia è responsabilità, anche di sentirsi parte di un percorso comune che ci impone oggi di superare le divisioni, valorizzando le differenze con un rinnovato impegno verso il nostro Paese e quel paese ancora più grande che è l'Europa.»
Questo in sintesi il messaggio pronunciato dal vicepresidente della Provincia autonoma di Trento Alberto Pacher stamani in piazza Dante a Trento, a nome del presidente Dellai in viaggio verso Roma per partecipare alla cerimonia con il capo dello Stato, Giorgio Napolitano.

Poi hanno preso la parola anche il sindaco di Trento, Alessandro Andreatta, il presidente del Consiglio provinciale Bruno Dorigatti e il commissario del Governo, Francesco Squarcina.
Per tutti l'autonomia è anche figlia di quel grande processo culturale e sociale politico che ha accompagnato lo sviluppo del nostro paese e che ha trovato nella sua Costituzione un momento alto di sintesi delle istanze di un popolo che per tanti secoli è stato diviso.




Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni