Home | Pagine di storia | 2ª Guerra Mondiale | Cosa accadde a Trento quella tragica notte dell’8 settembre '43

Cosa accadde a Trento quella tragica notte dell’8 settembre '43

Con un colpo di mano i Tedeschi si impadronirono della città, uccidendo 53 soldati italiani e perdendone 12

image

>

Ecco che cosa accadde a Trento quella tragica notte dell’8 settembre 1943, dopo la diffusione del proclama di Badoglio che annunciava la firma dell'armistizio con gli Alleati.
Estratto dal volume «Trento 1940-1945. I testimoni raccontano» di Nadia Mariz.

Alle ore 19.42 dell'8 settembre 1943, dagli altoparlanti e dalle radio di tutt'Italia si diffonde la voce del Capo del Governo che annuncia la firma dell'armistizio con gli anglo-americani.
L'ambiguità dell'annuncio produce interpretazioni contrastanti, lasciando disorientata tanto la popolazione civile quanto l'esercito, due milioni di soldati, un milione in patria e uno milione oltre confine.
Da mesi Hitler da dato il via all'operazione Alarico e già dai primi di agosto ben sei divisioni della Wehrmacht hanno attraversato il Brennero e si sono stabilite in Trentino Alto Adige.
In città un comando occupa il Grand Hotel in piazza Dante, un altro è a Lavis.
 
Carri armati tedeschi sono piazzati in vari punti della città: in piazza Vittoria, in Santa Maria, in via Pilati, via Rosmini, via Barbacovi, via Verdi, alle scuole Sanzio e alle Commerciali.
Una compagnia è accampata nelle immediate vicinanze della stazione ferroviaria.
Il pretesto è concorrere alla difesa antiaerea della città, una città ancora stordita dal bombardamento avvenuto appena sei giorni prima e che accoglie con esultanza  l'annuncio della firma dell'armistizio, interpretandolo come la tanto attesa fine della guerra.
Anche i soldati sono euforici, sollevati dalla tensione che da anni li opprime. Molti sono in libera uscita e chi rientra in caserma non trova nessun ordine particolare ad accoglierlo.
 
È notte, tutto tace. Alle 2.30 il piano d'attacco, preordinato nei minimi particolari, ha inizio e alle ore 3.00. Simultaneamente, i tedeschi attaccano le caserme cittadine. Nonostante atti di autentico eroismo, l'effetto sorpresa, la mancanza di direttive, l'inferiorità numerica e la scarsa disponibilità di armamenti non lasciano scampo.
Al termine degli sconti rimangono a terra, colpiti a morte, i corpi di 53 nostri soldati, 12 quelli tedeschi accertati. I feriti, circa duecento tra soldati e ufficiali, sono trasportati all'ospedale militare e al Santa Chiara.
I superstiti sono immediatamente fatti prigionieri e trasferiti all'aeroporto Caproni destinati poi ai campi di concentramento in Polonia e Germania. Trascorreranno pochi giorni e con l'istituzione dell'Alpenvorland iniziarono per il Trentino i seicento giorni di occupazione tedesca. 
 
Nadia Mariz 

Il volume dal quale ricaviamo questi bellissimi stralci è correlato di alcune delle oltre duecentocinquanta immagini contenute nel volume.
I lettori dell’Adigetto.it potranno aderire a una speciale promozione che prevede uno sconto del 10% sull’acquisto del volume.
Per acquistare il volume, inviare una mail a mnadia67@yahoo.it.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (1 inviato)

avatar
Sergio Ferrari 06/09/2014
Chiedesi cortesemente dove posso acquistare il volume di cui sopra. Grazie
Thumbs Up Thumbs Down
0
totale: 1 | visualizzati: 1 - 1

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni