Home | Pagine di storia | 2ª Guerra Mondiale | 8 Settembre: una memoria ininterrotta da 75 anni

8 Settembre: una memoria ininterrotta da 75 anni

Due iniziative per ricordare questa data, una stamattina in Piazza Dante al cospetto della Lapide della Memoria, l’altra stasera nell’Aula Magna dell’Istituto Tambosi

image

>
Sabato, 8 settembre, si è ricordato l'armistizio sottoscritto dal governo Badoglio con gli alleati anglo-americani.
Una data storica per l'Italia e per il Trentino in quanto segna di fatto l'inizio della Resistenza al nazismo e al suo alleato fascista.
Nelle ore seguenti la notizia dell'armistizio, nella notte tra l'8 e il 9 settembre, l'esercito tedesco, presente in forze da alcune settimane nell'intero Paese, attacca le caserme di Trento e tra i militari italiani si registrano i primi caduti per mano tedesca.
I soldati di stanza a Trento furono dunque i primi partigiani, i primi a resistere in armi all'occupante nazista, pagando a caro prezzo il loro coraggio e la loro dignità.


 
 Il primo appuntamento è avvenuto stamattina alle ore 11.00 in Piazza Dante 
L'Anpi, Associazione Nazionale Partigiani Italiani e l'Anei, l'Associazione ex internati nei lager nazisti con il Comune di Trento hanno tenuto fede a una doverosa consuetudine con la deposizione di una corona alla lapide in memoria dei militari trentini internati nei lager al Palazzo della Provincia in piazza Dante.
È bene non dimenticare che furono ben 800 i trentini morti nei campi di concentramento nazisti: dal loro sacrificio è venuto un grande, significativo contributo alla sconfitta del nazifascismo e alla causa della democrazia.


 
 Il secondo appuntamento è fissato per stasera alle ore 20.30 
Presso l'Aula Magna dell'Istituto Tecnico Commerciale «A. Tambosi» in via Brigata Acqui 19 a Trento, dove avrà luogo il recital teatrale «Erschissen – Fucilare!», scritto e diretto da Renzo Fracalossi e interpretato dagli attori del Club Armonia, con la colonna sonora del maestro Federico Scarfi, per ricordare il 75° anniversario dell'eccidio da parte dei nazisti dei militari della 33ª Divisione di Fanteria Acqui di stanza nelle isole di Cefalonia e di Corfù.
 
L'iniziativa è promossa dall'Associazione Nazionale Divisione Acqui e dall' Anpi del Trentino e dell'Alto Adige/Sudtirol, con il supporto della Giunta della Regione, per rendere onore alla memoria dei militari italiani che dall'8 al 22 settembre 1943 rifiutarono di arrendersi ai nazisti e che, dopo una lunga impari lotta, furono trucidati in massa contro ogni norma del diritto militare.
Tra i sodati della Divisione Acqui ci furono oltre cento trentini e altoatesini, come ha voluto ricordare Giuseppe Dalpiaz, presidente dell'Associazione. Ingresso libero e gratuito.
Il recital sarà replicato sabato 22 settembre alle ore 20.30 presso il Circolo Unificato dell'Esercito Italiano in viale Druso, 20 a Bolzano.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni