Home | Pagine di storia | 2ª Guerra Mondiale | Ricordato a Mori il 3 giugno, anniversario dello scrutinio

Ricordato a Mori il 3 giugno, anniversario dello scrutinio

Con un’affluenza del 92%, ecco i risultati: monarchia 449 voti (13%), repubblica 2.683 voti (83%) in linea coi risultati provinciali

Anche Mori ha celebrato, ieri, la Festa della Repubblica con una partecipata cerimonia in piazza.
Oggi, 3 giugno, è l’anniversario dello spoglio delle schede di referendum ed elezione dell’assemblea costituente.
L’assessore comunale alla cultura, Filippo Mura, domenica ha menzionato i risultati della ricerca storica che ha svolto personalmente in archivio.
«Ho trovato i verbali dei seggi. Nel Comune di Mori (territorio comunale del 1946 senza Val di Gresta) furono istituiti 5 seggi, di cui uno a Besagno (il numero 5) mentre tutti gli altri in via Benedetti.
«Per la prima volta potevano votare tutti i cittadini maggiorenni (la maggiore età all'epoca si raggiungeva a 21 anni) senza esclusione di razza, sesso o censo.
«Ecco dunque i numeri: totale dei cittadini iscritti nelle liste elettorali del Comune: 3.526; totale voti espressi: 3.246 di cui 1.723 donne (prima volta in Italia), 1.590 uomini per un’affluenza del 92%.»
 
Per il referendum sulla forma istituzionale dello stato si registrò: monarchia 449 voti (13%), repubblica 2.683 voti (83%) in linea coi risultati provinciali: la Provincia di Trento fu quella in cui la repubblica ottenne la percentuale più alta.
Quanto all’assemblea costituente: lista 1 con simbolo «falce martello libro e sole», voti 833; lista 2 con simbolo «bandiera con falce martello e stella», voti 204; lista 3 con simbolo «scudo crociato», voti 1791; lista 4 con simbolo «foglia d'edera», voti 240; lista 5 con simbolo «bandiera con spighe e stella», voti 53; bianche, 65; nulle, 60».
 
Alla cerimonia di domenica erano presenti Alpini, Associazione carabinieri e Associazione Fanti, il maresciallo di Mori, i vigili del fuoco volontari, la comandante dei vigili urbani, il presidente del consiglio comunale, molti consiglieri e tanti cittadini.
Dopo la cerimonia con l’alzabandiera e la posa di una corona al monumento ai caduti, è intervenuto il sindaco Stefano Barozzi e quindi è seguito il concerto della Banda sociale Mori Brentonico con la collaborazione di alcuni alunni della scuola primaria di Mori, che hanno suonato il flauto, seguiti dal maestro in pensione Lucio.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni