Home | Pagine di storia | Oggi tutta l’Italia riceverà il messaggio dei fotografi trentini Piero Cavagna e Matteo Rensi

Oggi tutta l’Italia riceverà il messaggio dei fotografi trentini Piero Cavagna e Matteo Rensi

In distribuzione con il Corriere della Sera (650.000 copie) il loro libro «SMM - Short Memory Message». L'olocausto visto come un momento di riflessione iconografica, costruttiva, etica e artistica

image

Oggi 21 gennaio, allegato al magazine Sette con il Corriere della Sera viene distribuito anche il libro «SMM - Short Memory Message» che i fotografi Piero Cavagna e Matteo Rensi hanno realizzato insieme per fare della cronaca di un viaggio ad Auschwiz un momento di riflessione iconografica, costruttiva, etica e artistica.

L'idea base di tutto il progetto è stata quella di cercare di ragionare sull'importanza della Memoria, sulla necessità della sua trasmissione nelle forme della modernità e sul ruolo della Responsabilità individuale, in forme che fossero un po' diverse dalle tradizionali, lasciando perdere, per una volta, l'iconografia tradizionale: i reticolati, le baracche, i resti delle camere a gas.

Tutto rimane a fare da sfondo, un passato sfuocato e un presente di facce di ragazzi che stanno cercando di capire.
Con l'immagine i due fotografi hanno puntato sul recupero della parola scritta per comunicare pensieri e riflessioni in modo da ribadire i concetti e rispettare, nello stesso tempo, con il silenzio delle parole parlate, il ricordo di una tragedia che non troverà mai voce sufficiente a raccontarla.

Agli autori interessava poi sovvertire metaforicamente i ruoli: una trasmissione della Memoria non più seguendo il percorso classico anziano-giovane, ma capovolgendolo. In un futuro molto prossimo i testimoni reali della tragedia che c'è stata saranno scomparsi.

Per realizzare «SMM» Cavagna e Rensi hanno usato la stessa strategia formale già utilizzata da Gillian Wearing (Signs that say what you want them to say and not Signs that say what someone else wants you to say/ 1992-1993) e Jonathan Hollingsworth (What we think now: young people's response to the U.S. involvment in Iraq/ 2006), arricchendo l'emotività, caratteristica di quei lavori, con la riflessione ed il confronto.



Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni