Home | Pagine di storia | Lech Walesa torna sui luoghi tanto amati da Karol Woitila

Lech Walesa torna sui luoghi tanto amati da Karol Woitila

Il Premio Nobel per la Pace 1983 e presidente della Polonia dal 1990 al 1995 passerà tre giorni intensi in Trentino

image

Lech Walesa (si pronuncia lex va'ue~sa), premio Nobel per la Pace 1983, ex leader di Solidarnosh ed ex presidente della Polonia, sarà ospite del Trentino dal 13 al 15 settembre.
Si tratta di un'operazione di marketing, che però ha raccolto un forte consenso sia a livello locale che nazionale.

Da una parte, infatti, l'assessore provinciale al turismo Mellarini - annunciando la prossima visita dell'illustre personaggio - ha ricordato che in Trentino ogni anno arrivano 82.400 turisti polacchi.
L'iniziativa, tuttavia, non solo ha raccolto i favori dei Polacchi, ma di tutta la stampa nazionale che coglierà l'occasione per rivolgere all'ex leader di Solidarnosh delle domande per completare i tasselli mancanti negli archivi delle varie testate.

In occasione della sua visita in Trentino, Lech Walesa potrà conoscere le eccellenze espressione del nostro territorio nei campi religioso, culturale e naturalistico.

Nella mattina di lunedì 13 settembre, poche ore dopo il suo arrivo, ammirerà il Monte Castelaz (che durante la Prima Guerra Mondiale fu teatro di pesanti scontri e combattimenti), nel cuore del Parco Naturale Paneveggio-Pale San Martino, e in particolare la statua del «Cristo Pensante».

Per ribadire l'importanza della pace, il valore della convivenza e per avvicinare le persone alla montagna e alla fede, sono state collocate sulla vetta del monte, a 2330 metri di quota, una grande croce e un'imponente scultura, raffigurante il Cristo Pensante.

La statua, alta un metro e 80 e di oltre due tonnellate di peso, è stata ricavata da un blocco di un marmo bianco locale, conosciuto come Predazzite.
Un'opera significativa, in grado di suggellare sempre più il rapporto di amicizia esistente fra Trentino e Polonia.
L'ispirazione per realizzarla, infatti, è arrivata proprio dal paese dell'Est, dopo che l'istruttore trentino di "nordic walking" Pino Dallasega, più di vent'anni fa, acquistò una statuina del Cristo Pensante proprio su una bancarella di Solidarnosc a Varsavia.

Per il pranzo Walesa sarà atteso presso la Magnifica Comunità di Fiemme, di cui l'anno prossimo ricorre il 900° anniversario dalla fondazione, che amministra un territorio di circa 20.000 ettari, dei quali oltre 11.000 costituiti da foreste prevalentemente di abete rosso.
Custode di antiche leggi e tradizioni, questo Ente si occupa ancora oggi della gestione oculata della proprietà collettiva sul proprio territorio (montagne, pascoli e foreste), programmando il taglio del legname e l'eventuale rimboschimento e curando la viabilità forestale.

Quando si parla di Polonia e di uomini che hanno dedicato la propria vita a costruire la pace, non si può non pensare a Giovanni Paolo II, al quale l'ex presidente era molto legato.
Per questo motivo nel tour di Walesa non può mancare una visita ai ghiacciai dell'Adamello, le montagne tanto amate da Wojtyla che visitò a più riprese.
Erano gli anni Ottanta e l'altare sul quale celebrò la messa è ormai diventato un vero e proprio simbolo di pace.

Dall'Adamello a Rovereto, la Città della Pace, dove l'ex presidente polacco nel tardo pomeriggio di martedì 14 settembre potrà ammirare "Maria Dolens", la più grande campana del mondo che suona a distesa, fusa nel 1924 con il bronzo dei cannoni inviati in Trentino da tutte le nazioni che parteciparono al primo conflitto mondiale.
Alta 3,36 metri, con un diametro di 3,21 metri ed un peso di 226,39 quintali, tutte le sere fa sentire la propria "voce" - cento profondi, toccanti rintocchi - per ricordare i caduti di tutte le guerre e invitare alla concordia tra i popoli.

Accanto a questi appuntamenti nell'agenda di Walesa ve ne saranno molti altri.
L'ultimo è in programma alle 10 di mercoledì 15, quando l'ex presidente terrà una Lectio Magistralis presso la Sala Depero della Provincia, dal titolo «La solidarietà in Europa nel 21° secolo».

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni