Home | Pagine di storia | Interviste | Intervista a Silvano Grisenti: «Subito la terza corsia da Verona a Modena»

Intervista a Silvano Grisenti: «Subito la terza corsia da Verona a Modena»

«Il territorio del Trentino Alto Adige non sopportava una terza corsia.» «Ma la Valdastico alleggerirebbe molto il traffico della Vallagarina»

image

Abbiamo parlato con Silvano Grisenti, da poco presidente dell'Autobrennero, per chiedergli alcune delucidazioni sulla «terza corsia dinamica». Ci siamo trovati proprio di recente intrappolati in autostrada perché stavano asfaltando la corsia Nord e il traffico era stato incanalato in entrambe le direzioni nella corsia Sud. Della terza corsia dinamica, neanche il segno.
Non lo abbiamo trovato subito, e ci siamo messi in lista d'attesa. Per questo, verso le 18.30, mentre stavo pedalando in tutto relax sulla ciclabile poco a Nord di Matterello, squilla il cellulare. Fermo la bici e rispondo.
«Il Presidente è disponibile adesso. - mi dice l'assistente. Avverte che ho il fiatone. - Può parlare con lui in questo momento?»
«Sì, certo…»
Me lo passa, mentre cerco di fare mente locale.
«Voleva parlare con me?»
Niente convenevoli, si va direttamente al punto.
«Sì. Volevo chiederle quando potremo vedere in funzione la terza corsia dinamica.»
«Se tutto va bene, le sperimentazioni inizieranno in primavera.»
«Sta scherzando?»
«Assolutamente no. Per la legge europea, si tratta sempre di una corsia di emergenza. Per farla entrare in funzione ci vuole tutta una serie di precauzioni disposte dalla legge.»
«Non bastano le linee gialle per ridurre le carreggiate e modificare il tracciato?»
«Solo nei casi di grave necessità.»
«E la chiusura di una delle due corsie per l'asfaltatura non lo è?»
«E' solo una necessità, ma non grave.»
Dio mio…
«Vuol dire che ci dovremo sorbire tutte le prossime code ancora per un anno?»
«Senta, nella giornata di ieri sono transitati 360.000 autoveicoli…»
«Non so se farle i complimenti da imprenditore…»
«He he…»
«O lamentarmi da utente…»
«Ci vuole apposita segnaletica luminosa che avverta per tempo, più un sacco di altre cose che stiamo per mettere in campo.»
«E non prima della prossima primavera,» commento.
«E a titolo sperimentale,» aggiunge.
Sperimentale? «Guardi che sul Golden Gate a San Francisco lo fanno tutti i giorni da anni…»
«Se è per questo, non occorre andare così lontano. A Monaco di Baviera…»
«Beh, allora ci sono già modelli comportamentali…»
«Sperimentali.»
Pausa di riflessione. Poi glielo chiedo.
«Posso farle una domanda barbina?»
«Hmm... Sentiamo.»
«Lei avrebbe fatto la terza corsia dinamica?»
«Per forza. In questo territorio ci troviamo a dover dividere lo spazio con altre arterie della massima importanza, a partire dal fiume Adige, per passare alla ferrovia del Brennero, la Statale…»
In quel momento mi trovavo sulla ciclabile, posta proprio sull'argine dell'Adige. Do un'occhiata all'autostrada sulla destra, al fiume sulla sinistra, alla ferrovia e alla statale dall'altra parte del fiume. Poi guardo la ciclabile e mi sento fortunato di avere quei tre metri a disposizione…
«Pensa davvero quello che sta dicendo, - gli chiedo - o è una risposta confezionata per la stampa?»
«Può starne certo.»
«E questo vale anche per il tratto da Verona a Modena, dove avete già il terreno a disposizioone per la terza corsia?»
«Quella è tutt'altra storia. Lì ho già dato ordine affinché vengano avviate le pratiche per le licenze necessarie.»
«Ahhh, lì fate le tre corsie?»
«Le posso anche anticipare che entro l'anno prossimo ci saranno già le tre corsie finite e funzionanti tra Verona e Mantova.»
Questa è una notizia. E allora ne affronto un'altra.
«Però ci sarebbe un altro modo per alleggerire anche il tratto da Verona a Trento.»
«Il completamento della Valdastico?»
«Esatto.»
«E' vero. Quella toglierebbe un sacco di problemi al tratto della alta e della bassa Vallagarina.»
«Dunque lei è favorevole?»
«Certo, io sono favorevole.»
Ma, ovviamente, non dipende da lui.
«In tutti i casi - conclude in ottimo politichese, ricordandosi le ammonizioni di Dellai - Dobbiamo alleggerire il traffico puntando sulla ferrovia.»
«E senza perdere clienti» - commento, chiudendo la linea. Perché il Tunnel sarà comunque fatto dalla società Autostrada del Brennero.

Guido de Mozzi

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni