Home | Pagine di storia | Terremoto d'Abruzzo | Terremoto d’Abruzzo/ 2 – Dellai risponde a Capuozzo

Terremoto d’Abruzzo/ 2 – Dellai risponde a Capuozzo

«Il segreto del nostro successo sta nella più grande risorsa del Trentino: Il volontariato»



Alla consegna delle prime 43 casette di legno erano presenti un po' tutti i rappresentanti delle istituzioni trentine. È stato un momento carico di emozioni, uno di quegli appuntamenti che servono per fare il punto della situazione, direi necessari per comprendere che quello che si sta facendo non è sprecato e che è giusto continuare così.
E c'eravamo anche noi giornalisti, perché era giusto che alla cerimonia fosse presente anche l'opinione pubblica trentina. La sorpresa è che c'erano anche le testate nazionali più importanti, a sottolineare come il fatto non fosse solo una questione tra noi e la gente dell'Abruzzo.

Per portare a termine la costruzione delle 320 casette che la Provincia autonoma di Trento si è offerta di realizzare antro settembre, sono necessari 20 milioni di euro. Di questi 11 sono messi direttamente dalla Provincia, 4 dalla Croce Rossa, 5 dalla Protezione civile nazionale. Ma non è solo una questione di soldi.
Intervistato da Toni Capuozzo che gli chiedeva dove stava il segreto del «miracolo trentino», il presidente Lorenzo Dellai non ha avuto dubbi.

«È una questione di organizzazione. - Ha premesso Dellai. - Ma senza il nostro volontariato, non si sarebbe arrivati da nessuna parte. Fa parte della tradizione della nostra gente, l'abbiamo ricevuta in dote dai nostri padri, cercheremo di darla, arricchita, ai nostri figli. Di soli vigili del fuoco volontari ne abbiamo 1.200 su una realtà di 500.000 abitanti. Li teniamo addestrati e attrezzati. Ogni settimana una parte di loro dà la propria reperibilità in caso di necessità. Quella mattina del 6 aprile, la colonna dei nostri ragazzi era già pronta a partire alle 9 di mattina.»

Una risorsa che si fa sentire anche in termini economici, aggiungiamo noi. Si provi pensare al costo di queste casette. Senza i terreni messi a disposizione dai comuni e senza il volontariato trentino, invece che 20 milioni ne sarebbero stati necessari 100.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni