Home | Pagine di storia | Terremoto d'Abruzzo | Terremoto d’Abruzzo/ 3 – Dialoghi di mezza estate

Terremoto d’Abruzzo/ 3 – Dialoghi di mezza estate

Un incubo e un sogno. - Il Golf di San Demetrio. - La stupefacente cucina di Pezzopane. - Un generale con doti amministrative. - Gli otto mesi di De Col


Nella foto, un gruppo di giornalsiti trentini venuti ad assistere alla consegna delle 43 casette.

Il giorno dell'inaugurazione delle prime 43 casette consegnate ai terremotati di San Demetrio, in provincia di L'Aquila, è stato pieno di emozioni. Abbiamo raccolto vari interventi, che potrebbero essere classificati più come dialoghi che come interviste. Ma che vale la pena leggere.

Un incubo e un sogno

Giulia Carnevale è la ragazza di 24 anni, morta nello studentato crollato in seguito al terremoto. Era venuta all'Aquila per laurearsi in ingegneria e stava frequentando l'ultimo anno. Di lei è rimasta la tesi di laurea, che si articolava nella realizzazione di un asilo per bambini.
Come si ricorderà, la Provincia autonoma di Trento aveva deciso di includere nel villaggio in costruzione a Onna un asilo che sviluppasse il progetto di Giulia.
Ad attendere Dellai c'erano l'ingegner Fabio Andreatta di Borgo Valsugana, incaricato alla costruzione, e la mamma di Giulia, Angela.
La mamma della povera ragazza era visibilmente commossa. Perdere una figlia è un dolore immenso, che non trova consolazione. Ma vedere la realizzazione del sogno della figlia le ha dato un po' di speranza.
«Nessuno mi ridarà mia figlia. - Ci dice. - Ma veder crescere un progetto di mia figlia è come se una piccola parte di lei fosse ancora qui.»
Insomma, l'incubo rimane, ma adesso sta prendendo piede la realizzazione di un sogno.

Per il progetto esecutivo, abbiamo detto, era stato incaricato l'ingegner Fabio Andreatta, il quale aveva immediatamente avviato i lavori.
Gli chiediamo come sta vivendo questa esperienza.
«Fantastico, - ci risponde entusiasta. - Credevo che non avrei mai più realizzato costruzioni del genere. Avevo rinunciato. Troppe carte, troppe licenze, troppe leggi. Tutte giuste, per carità, ma che avvicinano molto il lavoro dell'ingegnere a quello di un contabile. Qui invece, il miracolo. L'unica mia responsabilità è quella propria dell'ingegnere: costruire un immobile con la sola preoccupazione di farlo nel modo migliore e rapido possibile.»

Nella foto: La mamma di Giulia Carnevale, Angela, l'ing. Fabrizio Andreatta e Lorenzo Dellai.


Il golf di San Demetrio.

I miei colleghi temevano che io facessi la domanda sbagliata, ma sapevano che era inevitabile.

Il sindaco di San Demetrio ne' Vestini (1.605 abitanti nel 2001) Silvano Cappelli è nato a L'Aquila il 6 marzo 1971 ed è stato eletto il 18 maggio 2006. Era emozionato come se fosse il suo primo giorno di scuola, ma ne aveva ragione. Il suo comune è quello che avrà per primo le casette di legno, nelle quali i cittadini potranno difendersi dal freddo dell'inverno imminente.
Nel corso dell'incontro con autorità e stampa aveva più volte annunciato che, una volta costruite le case vere e proprie in cemento, quelle casette di legno sarebbero divenute un villaggio turistico.
«Signor sindaco, se mi permette una domanda laterale…»
«Può chiedermi quello che vuole.» - Sorride gioioso.
«Che dice, lo facciamo un campo da golf in questa bellissima vallata? Magari un nove buche…»
«Macché nove buche! - Ci risponde fiero. - Prima del terremoto avevamo approvato il progetto per 27 buche!»
«Ventisette?»
«Esatto. Un diciotto buche più un executive da ove. Noi crediamo nel turismo e ci sembra che il golf sia una proposta adatta per attirare la gente dalle nostre parti.»
Lo guardo dando un'occhiata ai miei colleghi.
«Sì, so cosa pensa. Il progetto slitterà un poco, visto che abbiamo altre priorità, come sappiamo. Ma, anche se lo mettiamo in coda, può stare certo che lo faremo.»
Gli stringo la mano.
«E lei può star certo che ci verremo a giocare. Con i complimenti dei nostri lettori.»

Nella foto: Il sindaco di San Demetrio ne' Vestini, Silvano Cappelli.


La stupefacente cucina di Pezzopane.

La presidente della Provincia dell'Aquila (297.424 abitanti) si chiama Stefania Pezzopane, è nata il 4 gennaio 1969 ed è stata eletta il 13 giugno 2004 per una lista civica di centro-sinistra.
Nel corso della cerimonia aveva fatto omaggio alle nostre autorità, oltre ai regali ufficiali, delle confezioni di zafferano, che insieme al tartufo nero è uno dei prodotti caratteristici dell'Abruzzo.
Del tartufo ne so abbastanza, ma dello zafferano no. E dato che sulla confezione c'è scritto che il contenuto pesa grammi 0,5, ho chiesto al vigile urbano che lo teneva quanto potesse costare.
«Sui 15 euro.»
«Ma sono 30.000 euro al chilo! - esclamo. - È stupefacente!»
«No, - osserva. - Uno stupefacente costa meno…»
«Certo, era solo un'esclamazione… E con 0,5 grammi, quanti risotti si riescono a fare?»
«Beh, non me ne intendo molto di cucina…»
Allora vado dalla presidente della provincia dell'Aquila, che è una donna.
«Mi scusi signora - le dico, - ma sa dirmi come si fa il risotto allo zafferano?»
«Certo. - Risponde, mostrandomi il contenuto della boccettina da 15 euro. - Si lascia la canna in una pentolina d'acqua tiepida per una ventina di minuti. Poi si fa il risotto come si ritiene opportuno, aggiungendo l'acqua con lo zafferano al posto del brodo.»
«E quanti risotti si riescono a fare con una canna?»
«Si usa una volta sola, quindi si cercherà di farne il più possibile. Insomma, quanti ce ne stanno in una pentola. Sei, sette, otto…»

Nella foto: Il sottoscritto, sottobraccio la presidente Stefania Pezzopane, tiene in mano la confezione di zafferano.


Il generale Fabrizio Lisi, amministratore di condominio.

Un condominio peraltro piuttosto grande quello della cittadella della Guardia di Finanza di Coppito, frazione dell'Aquila, trattandosi di una superficie di 53 ettari e popolata mediamente di 1.500 persone tra allievi, istruttori e amministratori.

«Signor generale, - gli chiedo mentre camminiamo per andare vedere le casette costruite per i familiari della Guardia di Finanza le cui case sono andate distrutte. - Come aveva appreso la notizia che Berlusconi aveva deciso di portare a casa sua il G 8?»
«L'ho appresa come voi, dalla televisione.»
«E come ha reagito?»
«Ho telefonato al mio capo e gli ho chiesto se era vero. E lui, che non aveva ascoltato il TG, ha risposto candidamente: No, il G 8 si farà alla Maddalena, mi creda. Si rilassi
«Ma era vero. E allora cosa avete fatto?»
«Beh, io sono un soldato e i soldati obbediscono. Il rapporto tra i politici e le strutture dello Stato è un po' come quello che c'è tra gli architetti e gli ingegneri. I primi sognano cosa fare e i secondi si rompono la testa per renderli realizzabili.»
«Cosa ricorda di quel periodo?»
«In quei giorni io mi sentivo come un amministratore di condominio. - Risponde sorridendo. - Solo che i nostri amministrati non si sono lamentati…»
«Ho visto che le palazzine dei vostri alloggi portano i nomi di Hotel Venezia, Hotel Roma, Hotel Trieste… Non era così prima del G 8.»
«I cerimonieri avevano voluto sostituire le sigle delle abitazioni A1, A2, ecc. con dei nomi meno asettici. "A" stava per abitazione…»
«Adesso lascerete i nuovi nomi?»
«Non sarebbe una cattiva idea…»

Nella foto, il generale della Guardia di Finanza Fabrizio Lisi, insieme al presidente Dellai.


Otto mesi come otto anni.

Come abbiamo detto, sono stati in molti a collaborare sia per soccorrere le popolazioni nei primi momenti del sisma, che per riuscire poi a realizzare le casette in legno entro i tempi previsti. Tutti meriterebbero di essere citati uno per uno, anche perché al momento della consegna delle casette stavano lavorando.
Uno di loro tuttavia merita una menzione speciale, l'ing. Raffaele De Col, responsabile - tra le altre cose - della protezione Civile del Trentino. Non solo perché è andato tutto bene, ma perché era stato nominato dirigente generale della Provincia solo tre mesi prima del terremoto. Insomma non ha avuto neppure il tempo di sedersi dietro la scrivania, che subito ha dovuto scendere in campo per mettere in moto e far funzionare la macchina dei soccorsi. Da allora ha passato più tempo in Abruzzo che in Trentino.

«Ing. De Col, - gli chiedo con una certa ironia. - Come sono passati i primi otto mesi dalla sua nomina a Dirigente Generale della Provincia?»
Ride, ed una delle rare volte in cui lo abbiamo visto sorridere.
«Otto mesi? - Ripete. - Mi sembra che siano passati otto anni…»

Nella foto, l'ing. De Col, in una delle rare foto senza gli occhiali neri.


G. de Mozzi

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni